Healing GAIA

news and contents

"It is all in the Earth. The World Tree has always been in the Earth and always will be. Should the trunk, the branches and leaves wither or be cut down, or the fruit be rotted or diseased, will not the roots remain, ready to spring forth once more, to regenerate again and again in response to the Sun and Cosmic nourishment?”
Bolivia: Pacha Mama Celebration

  • Mito
  • LA CULTURA DI GEA - Un Manifesto di Marko Pogacnik 
  • EDUCAZIONE A GAIA - di Claudia Pecoraro

This page is dedicated to people that have mission to save, to heal our Planet Earth "Gaia" througt deep contact, healing and education.

Send us your contribute! Some articles are in english... we need more! So share at this e-mail: isabellaguerrini@gmail.com


What would happen if we let go of everything and committed totally to living according to inner guidance? How do we prepare for such a thing?....

"As long as you think anything in your life is outside of yourself and can blame something or someone for what happens to you, you are in ignorance. You are outside the reality of Oneness, and our energy worlds are beyond your ken. When you accept the unity of life, all life is yours and you are all life. One life breathes through all. Reverence all life, for it is part of you and you are part of it."
—as translated from Nature by Dorothy Maclean

Bonding with Earth and Nature is the third step toward Inter-Dimensional Creativity. Earth is filled with various powerful energies, and when you can tap into them, your intuition sharpens and you gain information about living well on the planet.
Earth is Alive
MEDITATION: "Who did you think was speaking to you in mediation and dreams, calling you ‘my child’,‘my daughter’? It was I, Mother-of-All, who births you, who nurtures you. Many earth children today neither respect nor listen to their elders because the elders have forgotten to listen to and respect their Great Mother, Earth.”

"Spirit sends energy through the galaxy, its star systems and through the Sun, to express through my crystal core. In turn, I express through each of my lifeforms. Through loving contact with nature’s lifeforms, one can open to messages relayed through me__
Gaia:Spirit Within Nature in this area of the galaxy.

"If you don’t know your origins, you won’t know your destiny. It is time now to remember your future. I will nurture, nourish and birth humanity as long as I can, but humanity in turn must also nurture and protect me, vibrating in resonance with me as I shift into a sacred planet. Native Americans hold all Earth to be sacred. Their prophecies tell how upright people throughout the world will hear and understand, will unite to purify Earth, and will once again follow Creator’s guidance. It will come from the grassroots __ the people__ not from those of high position and influence. When my lifeforms perceive and treat me and each other as sacred, I, Earth, will be sacred, and humans will be also.”

"As one heals oneself, one automatically heals others and heals me as well.The difficulty has been in understanding the steps from the Outer Physical Reality track to the Inner Dreamtime track where the wisdom is found. Once grasped and carried back to the Physical Reality, the Dreamtime will manifest through common bonds and purposes.”
"Welcome home, my child.” 

Bonding with Earth and Nature is the third step toward Inter-Dimensional Creativity.  Earth is the Mother of our physical bodies. We are formed of the dust (minerals) of Earth. Our physical bodies are nurtured by her lifeforms. If we care for Earth and nurture Her, she will do the same for us.

Nature was the major visual source of inspiration and primary stimulant for most of the artists interviewed. Many painted, sketched or took photos on site. Others drove, walked or jogged outdoors. Earth is the cradle of humanity__ the foundation of our physical plane security__ our "groundedness". Earth is alive: a living, breathing, conscious entity.

Indigenous peoples see Creative Source in all that lives and know themselves as One with Nature. Many of us believe their perceptions to be mere imagination or superstition. But as civilization escalates, high tech discoveries and inventions can seem imaginary -even magical-to people of the everyday world. Quantum computer gurus are making fantastic leaps in the electronics and space industries; yet, how many among us can explain quantum mechanics, or even why a computer or an IPod works?

Earth’s physical matter consists of minerals. Through crystal healing classes and mandala  paintings, I learned to link with the paint pigments formed from minerals of the planet. They too, hold a level of consciousness: the understanding of existance in form. Plants hold the consciousness of change, lifght and temperature, and  animals hold  a herd mind perception and sense of movement across Earth's surface. Earth Shall Bloom Again
Whatever we focus upon in life expands. Concentrating on regenerating both self and Earth bridges our inner and outer natures. As I sketched or painted in 1978, certain phrases began to repeat in my mind. “Now is the Time” and “Earth Shall Bloom Again”, frequently impelled me to view Earth from a broader perspective. What became very clear, was that Mother Earth was about to undergo a tremendous transformation and therefore, so would every living thing upon her.
I translated Nature into emotionally intense expressions of art.Themes of Regeneration crept into the landscape paintings: old abandoned orchards__ broken-down twisted fruit trees struggling to bloom each spring became favorite subjects, evoking feelings of trust in survival. As I exercised my intuitive right brain, I repeatedly entered the "Dreamtime" state, merging and flowing with Earth’s aliveness.

At times, Life throws us a curve or two and we drop into that mode of Unstable Equilibrium requiring the creative skill of Perceptual Flexibility. These wake-up periods can more easily be navigated through feeling and sensing than through logic and reason.

Beyond the Fall
About 13,000 years ago, mankind “fell” greatly in consciousness.  Prior to then, we had been far, far more aware of how to create well on the planet. With the Fall, we humans lost our ability to consciously attune to the Creative Force, and later, the Great Flood left only a handful of survivors. In a few more thousand years, we fell so low in consciousness, that except for a few indigenous tribes, our bond with Earth and Nature disappeared, too.
Instinct is an ancient human faculty triggered by our need to survive physically. Intuition, however, is a spiritual faculty. Earth is a library of knowledge to aid us in remembering Who We Really Are and Why We Are Here Now. When we bond with Nature and drop irresponsible adolescent viewpoints__ blaming or relying on others to make us happy__ we connect with our original racial memory patterns.

Western cultures have a clear bias toward the mistaken belief that ancient peoples had powers of cognition which were substantially inferior to modern peoples. It is... "characteristic of modern Western Civilizations to assume that the direction of the evolution of intelligence is positive, and therefore, present knowledge is greater and superior to past knowledge.” This is not necessarily so. (18)

Creative individuals world-wide are kindred spirits. With intuition and inspiration we recapture our original sense of Oneness with Nature and all life on the planet. Like pieces of a complex jig-saw puzzle, human genes contain DNA codes for expanded creativity, codes waiting to be rediscovered, activated and used once again. Creativity energies running through Earth and the Universe are the same as those penetrating the bodies of humans, animals, plants and minerals, for all are formed of the dust__ the minerals__ of the planet and the cosmos.

Spending quiet time in Nature, communing with plants, animals and even mountains, rocks or minerals, we recover ancestral wisdom stored as DNA in the minerals of our bodies’ cells. The July/August, 1999 issue of "Arbor Day" newsletter announced research at the University of Illinois in Urbana-Champaign. After youngsters with Attention Deficit Disorder spent time in Nature, their symptoms were relieved. The greener the setting, the greater the relief.

Butterflies, birds and whales use them to navigate. (19) “Because we are keepers and co-creators of this reality, if we ignore and dishonour the essence or spirit of the unseen, unmanifested world, we are actually working against nature and keeping reality from manifesting. The winged ones, four-legged ones and the world of plants will not manifest if we have no respect for them. If we don’t learn respect for all of creation, we could literally erase life’s participation in this dimension of Earth.” (20)

The Planetary Network

Energies flow through Earth in magnetic streams, varying their courses according to surface changes. (22) Their encoded information integrates Father Sky with Mother Earth, Spirit with Matter, Heaven with Finite Reality. Nature, the subconscious mind of our planet, responds according to how humans think, feel and act collectively.

In David Hatcher Childress’ "Anti-Gravity and the World Grid" there is a diagram of an energy grid surrounding the planet.  All over the world, military bases are built on these triangulated points. Discovered first by Russians in the 1950's, (23) both Russian and American astronauts later saw two grids from outer space pulsing alternately as if the planet were breathing in and out. One of these grids formed an icosahedron geometrical pattern of twenty triangles with common edges. The other, a dodecahedron, consisted of twelve pentagons__ shapes with five equal sides__ also having edges in common. They are Sacred Geometry shapes which overlap each other to form the Christ Consciousness Grid around our planet. This grid was completed February 4, 1989 at St. Louis, MO. The Berlin Wall fell shortly afterwards, reuniting East and West Germany. Russian research revealed that this Grid has an electromagnetic component to it.

Earth’s invisible energy network is similar to a human body’s energy network. Usually called “ley-lines”, Earth's energetic lines flow through and around the planet resembling a huge ball with strings coursing over and around its entire sphere, connecting all points within and over the surface of Earth. Holding telluric forces, they anchor energy movements into the planet’s 3-D time and space. Everything on Earth has one or more energetic grids around and within its material form, connecting all living things with Earth and connecting Earth to the solar system, galaxy and universe. “A great unseen scientific instrument lies sprawled over the entire surface of the globe.” 

An experiment proved that this energy field does indeed connect everything in the universe. Dr. Vladimer Poponov discovered a field that uses light to link the DNA of our bodies with matter. Called the “Phantom DNA Effect”, his work indicates that the DNA of human living tissues affects matter through light particles called photons. Placed in a vacuum, the DNA-tissue caused the photon light particles to align themselves along the axis of the DNA spiral helix. When the DNA sample was taken from the vacuum, the new light pattern still held. Dr. Poponov said, “This energy appears to be everywhere at once.” In quantum physics, this is known as non-locality. (24) This “ether” (an ancient term for it)__ the Creative Force Field__ is now viewed as the Quantum Hologram. At this time, our solar system is entering a powerful energtic area in our galaxy known as The Photon Belt.
Information instantly travels along Earth’s and the Galaxy's energetic network no matter how great the distance between points. Our bodies directly connect with Earth. Dan Winter attached electrical coils to a tree, making it a living antenna measuring Earth’s magnetic fields. He proved a local Earth energy field was linked with and affected by human emotions when a loving healer, a meditator and Earth all resonated with similar vibrations during meditations or healings. 

Recently the media announced a newly-discovered DNA series, a sort of “instruction manual” for development of the physical body. Amazingly, 150 of our human genes are also found in plants, and we have all but two or three genes in common with animals. Our human connection with all life on the planet cannot be denied.
Earth herself is so rapidly shifting her energy patterns, that all people, plants, animals and even minerals are now on an accelerated evolutionary path. We have richer creative talents than we ever knew existed, and as soon as one human masters a particular bit of knowledge or technique it is immediately available to all; in fact, it is birthed into every baby born after that discovery.

Ancient sites

“Practically all significant works of archaeology which uncover ancient sacred sites find that the stars are critical".... "Why were the stars so critical that the Ancients would build thousands of monuments over the globe, utilizing celestial orientation in their designs?” 

Star constellations reflect their patterns onto sacred sites on planets. The stellar matrix imprinted into each site also holds clues revealing the location of another, closely related, sacred site. Three stars in the constellation Orion’s Belt reflect onto the design of the Cedonia-Face-on-Mars Complex, which in turn, describes the three Great Giza Pyramids in Egypt. 


"Geomancy is the art of working with the powers of Gaia in order to harmonize with Earth's frequencies." 
(B.H.Clow) Gaia is Earth's Spirit. Every location on Earth holds encoded knowledge in its energy patterns that can be accessed and used by humans, animals, or plants. And, through Earth’s vortices and sacred sites, higher intelligences of the planet offer new information for raising our consciousness. 
Geomancers attune themselves to land, water, wind and weather to place buildings__ homes or ceremonial centers such as pyramids, stone circles or labyrinths__ at the most advantageous energetic locations on the planet. Earth’s bell-like vibration, tuned to incoming cosmic rays, relays expanded information to humans at these sites. In a "Dreamtime" state the human minds can harmonize with Mother Earth’s resonance. The right vibration in the right place links us with the inherent wisdoms of both Earth and Cosmos.

All over the world, pyramids, monuments and mounds, either natural or man-made, were formed at vortex areas. Sacred sites such as Stonehenge, Woodhenge, Chaco Canyon, Lourdes, Machu Picchu, Teotihuacan, Mt. Shasta, Cahokia Mounds and Ayers Rock (Uluru) are famous. Many others have remained unknown to the general public. Most pyramids and monuments straddle flowing water or springs, which produce ions (charged sub-atomic particles) affecting human awareness. Through the ages, sensitive indigenous peoples performed spiritual ceremonies to activate the vortices. Scientists have measured tangible, energy frequency shifts atop pyramids during events such as equinoxes or solstices. Holy lands and sacred sites occur everywhere there is a sophisticated spiritual connection between the people and the land.

Shamans and Storytellers
"The shaman in tribal cultures sees into the sacred world and shares the visions with the people as art, music, dance, storytelling and astrology.” (32) They also serve as spiritual healers. “The ancient Druids of Britain, as did the old feng-shui masters of China, comprehended these manifold energy bonds and knew how to work harmoniously, creatively, with"... "electromagnetic pulses to maintain individual health, communal cooperation and world peace.“ (23)

Joseph Campbell stated that "Artists are the modern day shamans and geomancers." But artistic or not, we can all become sensitive to Earth’s energies, bond with her, learn to create magic through her grid system, and enchant the forests, hills, deserts, lakes and lifeforms, healing all with expanded love and mind through these energetic “Fields of Dreams”. 

“First step in the making of a shaman involves surrender to Earth. It involves reframing your whole life as sacred and healing. The second step is seeing Earth as sacred, which involves hearing the ancient spirits sing, and seeing out of the eyes of the spirit animals in order to understand Earth’s story. The third step is the healing, the making of the living medicine wheel" ...( a stone mandala)... "which involves doing rituals to heal yourself, others and the Earth.” 

Paleo-magnetologist, Michael Fuller, professor emeritus from University of California, Santa Barbara, is now a senior researcher at the University of Hawaii’s School of Earth Science and Technology and Institute of Geophysics and Planetology. His research has concentrated on previous polar shifts from magnetic records trapped in corings from Hawaiian lavas and the sea bed. Earth’s energetics are changing drastically. Records locked in rocks show the Earth’s Magnetic Field has flipped over many times in the past, reversing north and south magnetic poles. “Although the cause is unknown, historically, the reversal rate is once every few thousand years, but varies widely. We are long overdue for another polar shift.” 

Scientists say the Schumann Resonance, Earth’s base frequency, is an energy window that can influence all life. (22) This resonance attunes with our alpha brain waves. Every year, the Schuman Resonance, normally 7.8 Hz., has been rising. This was confirmed by NASA’s research of our planet’s “hum” as registered from outer space. (29) By early 1997, it was already 11 Hz and by September, 2006 was at 12.8. 

A second disturbing geophysical condition is Earth’s Magnetic Field. Richard C.Brill, associate professor of geology and geophysics at Honolulu Community College states:  “Earth’s magnetic field is constantly changing, and the way in which it changes also changes. In the absence of this magnetic field"... "cosmic rays would bombard the entire Earth with a higher intensity than today. Because of the complexity of Earth’s magnetic field and the constant changes, it is impossible to predict what the field will be like any time in the distant future".... "Earth’s magnetic field extends outward from Earth forming a shield which focuses cosmic rays towards the magnetic poles and away from other latitudes. The effects of cosmic rays on life in general are not known for sure, but it is expected that they would cause tissue damage similar to the effects of X-rays.” (31) Computer models indicate Earth’s magnetic field strength has dropped ten percent over the past century and is reaching zero at increasingly faster rates. (19) In April, 2009, science reported that a huge hole was opening in the magnetic field surrounding Earth, and cosmic rays are increasingly affecting all life here.

Whether we're artists, researchers, inventors  or not, we will be required to function without any pretence about our motives toward transforming our consciousness and our immediate environment. Developing creative skills reveals the existence of a Loving, Intelligent, Self-Organizing Creative Force greater than ourselves. Now, as we renew our bonds with Earth, we complete the third step towards a Higher Creativity, knowing that our collective minds and hearts can craft us into human masterpieces as Earth becomes a sacred planet.

Native Americans have much to teach us about connecting with Mother Earth. They know Spirit resides in all that lives; Earth embraces Spirit in every atom. Without Mother Earth, none of us could live here in our 3-D bodies. As we walk this Earth, we have responsibilities as caretakers to bond with her, to regenerate her, ourselves and others; we must respect and honor the quality and the interconnectedness of all forms of life on the planet.What we do to Nature we do to ourselves. As we continue to befoul Earth and rape Her mineral resources, we pollute our own immune systems and deplete our own physical strength as well. We are becoming chronically fatigued, stressed, burned out, angry and over-sensitive. Instead, we can link both planetary and cosmic forces, receive their sacred wisdoms, open to the conscious mind of Gaia, The Great Mother, honor Her, and receive Her wisdom and blessings.

Devereux, Paul. Essay, “The Archaeology of Consciousness”, Journal of Scientific Exploration, Vol. 11, No. 4.

DelVaglio, Skip. Thomaston, CT. Scientific American: "Ask the Experts: Geology".  http://sciam.com/askexpert/geology/geology10/geology10.html

Yaxk’in, Aluna Joy: Hauk’in Spectrum, Issue #4, Spring, 1997. Center of the Sun.  www.1spirit.com/alunajoy/

Lehrman, Frederick. The Sacred Landscape. Celestial Art,. Berkeley, CA.

Skinner, Stephen. The Living Earth Manual of Feng-Shui. 1982. Rutledge & Kegan;  Boston, elbourne, London, and Henley,
Great Britain.

Childress, David Hatcher, editor: Anti-Matter and The World Grid. 1987. Adventures Unlimited Press; Box 22, Stelle, IL 60919.

Braden, Gregg. “Experimental Evidence for the Quantum Hologram.” Audio. www.lauralee.net

Gerber, Dr. Richard. Vibrational Medicine: New Choices for Healing Ourselves. Pg. 401-590. Inner Traditions * Bear & Company, P.O. Box 388, Rochester, VT 05767-0388.  www.gotoit.com


Gaia - La Creazione Divina
di Kris Waldherr

Si può avere la certezza di affermare che qualcosa è esistito prima di Gaia, la Terra?

Difficile immaginarlo, in quanto la nostra mente e i nostri sensi si intrecciano in modo irrevocabile con tutte le esperienze di vita che accumuliamo su questo pianeta. La bellezza di questo emisfero verde e azzurro, popolato da innumerevoli specie di animali, piante e altre forme di vita presenta una magnificienza tale da garantirgli rispetto e protezione.

Il mito

Gaia è il nome della Dea attraverso cui gli antichi Greci onoravano la Terra.

In base a questa credenza, Gaia, fecondo ventre cosmico scaturito dal primordiale spazio interstellare noto con l’appellativo di Caos, sarebbe esistita prima di qualsiasi altra forma di vita. Gaia ha generato il cielo, da lei battezzato Urano, affinché le tenesse compagnia e facesse l’amore con lei.

Il cielo che si protendeva al di sopra della Terra ha creato molti figli nel grande ventre di Gaia, ma Urano, temendo che la loro forza potesse essere superiore a a sua, ha proibito a Gaia di partorirli.

Nondimeno, a Cronos, il Tempo, il più forte dei suoi figli, Gaia donò una falce fatta con un materiale duro come l'acciaio e simile al diamante: con essa Cronos avrebbe reciso i genitali di Urano ponendosi all'entrata del ventre materno.

Ciò ha permesso a Gaia di continuare a creare tutti gli dèi e tutte le dee dell'antica Grecia.

Presso il celeberrimo tempio innalzato a Delfi in suo onore, si recavano le sacerdotesse che gettavano manciate di erbe sacre all'interno di un calderone, ricorrendo al fragrante fumo che ne scaturiva per invocare l'eterna saggezza di Gaia.


contributo di Irina H. Corten

Nelle culture tradizionali di tutto il mondo, la Terra è sempre stata venerata come un essere vivente ed un'entità spirituale di grande importanza. "Madre" è l'epiteto spesso usato per essa in queste culture, di indiani d'America, africani, asiatici o aborigeni australiani che siano.
Purtroppo, questo concetto non è prevalso nelle moderne società industriali, e di conseguenza la Terra è stata notevolmente maltrattata. Chi di noi è preoccupato per questo problema può compiere un tentativo, a livello personale o collettivo, di guarire nostra Madre. Sta a noi come individui trovare il modo per farlo.


Se vogliamo davvero trasformare il pianeta, e creare un mondo migliore per noi e per i nostri figli, dobbiamo allora iniziare col trasformare noi stessi, elevando la nostra energia e le nostre vibrazioni. Ciò che ci impedisce di innalzare le nostre vibrazioni sono le nostre emozioni negative - il peggior tipo di inquinamento che riversiamo nell’ambiente quotidianamente - è il non riconoscimento della nostra natura divina.

Attraverso la trasmutazione delle emozioni negative in energia di puro amore e l’attivazione della nostra energia divina, possiamo contribuire in modo significativo a bonificare il nostro pianeta. L’universo è olografico, l'inquinamento che vediamo al di fuori è anche dentro di noi. Ricollegarci alle nostre forze spirituali ci restituirà l’armonia necessaria per poter trasmutare le malattie, nostre e dell’ambiente.

Molti sciamani dicono che stiamo sognando il sogno sbagliato. Viviamo nell’illusione di essere separati dalla natura e dai regni spirituali, ci crediamo vittime della nostra vita e dell’ambiente che ci circonda. Queste illusioni sono semi da cui crescono le piante della paura, della rabbia, del risentimento, della disperazione e del buio. E’ tempo di estirparle dal nostro giardino e piantare nuovi semi: semi figli dell’amore. 

Gabriella d'Albertas


L’amore è un ingrediente essenziale per tutti i miracoli, perché è solo l’amore che guarisce. Le tecniche non guariscono. Dove c’è una apertura di cuore c’è l’energia per portare la magica e miracolosa energia. L’amore è il grande trasformatore.

Ho già parlato dell’armonia, poiché è risaputo nella pratica dell’alchimia che l’armonia interiore crea armonia all’esterno. La disarmonia crea malattie, l’armonia crea bellezza e salute.
Immaginazione è un altro punto chiave per fare il miracolo della trasmutazione, per essere in grado di avere la visione di un ambiente puro e pulito che sostiene  tutta la vita. 

Carolina Casey, una astrologa americana dice: “L’immaginazione traccia il percorso dei binari per il treno della realtà”. Con la nostra immaginazione abbiamo la capacità di scolpire il mondo.
In aggiunta a questa formula ci sono altri principi da ricordare. Come cambia la nostra percezione, cambia la nostra realtà. Per cambiare la nostra percezione e creare una realtà con l’ambiente pulito, dobbiamo essere in grado di vedere la bellezza in tutte le cose. Per vedere la bellezza in tutte le cose dobbiamo vivere in uno stato di apprezzamento e gratitudine.
Ci sono due fasi del lavoro. Una fase di lavoro è imparare a riconoscere che siamo molto di più di un corpo, dei pensieri e delle nostre esperienze passate. Siamo luce spirituale e siamo divini in ogni momento.
Non siamo separati, siamo piuttosto connessi con una fonte ed una rete di vita. Immaginatevi una mano dove una delle dita cade a terra e pensate che possa avere una vita indipendente, senza essere collegata al corpo. È quello che succede oggi. L’umanità sta agendo come le dita separate che si sono dimenticate della connessione con la fonte originale della vita.
Nel nostro stato dell’ego percepiamo noi stessi come separati l’uno dall’altro e con il resto della vita. Le circostanze della vita e le nostre relazioni con gli altri ci conducono a pensieri e sentimenti negativi. Come esseri umani è importante riconoscere i nostri pensieri ed i sentimenti che inviamo all’esterno, verso gli altri e nell’ambiente. Nelle culture sciamaniche è risaputa la differenza che c’è tra esprimere la rabbia ed inviare la rabbia.

É salutare avere uno campo di pensieri ed emozioni. Il lavoro che dobbiamo fare è apprendere  come trasmutare o trasformare l’energia che è dietro ai nostri pensieri ed emozioni in amore e luce. In questo modo possiamo sentire la profondità dei nostri sentimenti ma senza creare danni nel fare questo.
Dobbiamo riconoscere come tutte le culture antiche hanno considerato le parole come vibrazioni. E quando parliamo ad alta voce inviamo una vibrazione nell’universo che ritornerà verso gli altri e verso di noi.
Forse vi ricordate quando da bambini pronunciavate la parola abracadabra
Questa è veramente una frase in aramaico "abraq ad habra" e la traduzione letteraria è “Creerò quello che dico”.

La seconda fase del lavoro è riunirsi insieme in comunità per fare cerimonie per invertire l’inquinamento che abbiamo creato.

Tutte le tradizioni spirituali insegnano che ogni cosa si manifesta a livello spirituale prima che si  manifesti a livello fisico. Attraverso l’incorporamento delle pratiche spirituali nella nostra vita abbiamo il potere adesso di creare il cambiamento nel pianeta.

© Copyright 2005 Sandra Ingerman. All rights reserved



Un Manifesto di Marko Pogacnik - Slovenia
Artista della Terra, Insegnante Spirituale e Autore di “Spiriti di Natura ed Esseri Elementali” 

L’umanità è sposata a Gea, l’anima della Terra. In un certo senso con lei condividiamo il letto, eppure non coltiviamo il nostro amore per e con lei. Può essere questa la motivazione nascosta che spiega perché sperimentiamo molteplici catastrofi celate sotto lo scenario dei Cambiamenti Terrestri?
La conoscenza geomantica che potrebbe aiutarci a comprendere quanto intimamente il corpo dell’essere umano sia collegato al corpo della Terra, nella nostra cultura è andata quasi perduta. Tuttavia, poco alla volta, stiamo recuperando l’esperienza dei sistemi energetici vitali che permeano non solo il corpo umano ma anche l’organismo del panorama Terrestre. Inoltre, ci stiamo rendendo conto che l’intelligenza della natura è la stessa che permette agli esseri umani di pensare, esprimere le emozioni e di creare interiormente le condizioni del mondo materializzato.
Ancor più importante è il destino comune che condividiamo con Gea, data la realtà dell’intreccio delle nostre rispettive evoluzioni. Come possiamo aspettarci che Gea non cambi, data la libertà che gli esseri umani hanno come co-creatori sul pianeta? Non ci si aspetta che gli umani rimangano gli stessi esseri spirituali dopo aver ricevuto il dono dell’incarnazione sulla Terra e aver sperimentato se stessi come esseri viventi radicati nella materia.

È evidente che la profonda relazione e connessione che esiste tra Gea e gli esseri umani contiene un’importante dimensione che non può essere “gestita” unicamente da misure formali basate su concetti razionali, per esempio le attuali strategie ecologiche ed economiche rivolte al riscaldamento globale. Dobbiamo creare una gamma completa di strumenti e strategie, incluso lo sviluppo di tutti gli aspetti della nostra coscienza, così da poter rinnovare la relazione tra l’umanità e Gea ed entrare in relazione con l’essenza dell’anima della Terra.
Negli ultimi decenni siamo stati testimoni dei seguenti passi, fatti a livello mondiale, verso una cultura sintonizzata all’essenza della Terra:

  1. Una nuova coscienza ecologica e un movimento ecologico rappresentano i primi passi di base, e indicano la volontà dell’umanità di cambiare l’atteggiamento rispetto al pianeta Terra.
  2. Il passo successivo implica diversi sforzi atti a creare una consapevolezza della natura multidimensionale della Terra e della sua creazione, inclusi gli esseri umani come parte del cosmo di Gea. Al di là di questi sforzi, l’arte e la scienza sperimentale della geomanzia si sta sviluppando come una forma di ecologia olistica. Lo scopo della geomanzia è fornire la cultura moderna di metodi per comprendere il flusso delle forze vitali, e metodi per percepire le dimensioni finora meno conosciute dell’esistenza.
  3. L’attuale crisi economica ed ecologica con cui la nostra civiltà si sta confrontando, richiede un terzo passo: avanzare ulteriormente su questo percorso e creare una sorta di cultura partner sul pianeta. Dobbiamo riscoprire e coltivare le dimensioni basate sull’amore che connettono gli esseri umani e Gea e a manifestarle nella vita di tutti i giorni. Dobbiamo creare un nuovo genere di cultura sulla Terra che permetterà l’ulteriore sviluppo della razza umana così come della Terra, inclusi tutti i suoi esseri e dimensioni. Chiameremo questa cultura futura che si sta già evolvendo “la Cultura di Gea”.

Per riuscire a sviluppare la Cultura di Gea dobbiamo prima trasformare i nostri concetti dogmatici e razionali riguardo a chi è la Terra e chi siamo noi come esseri umani e, di conseguenza, cambiare le nostre norme culturali:
  1. Durante gli ultimi due secoli, l’umanità ha (dolorosamente e lentamente) imparato come superare la segregazione razziale. Ma attenti! Non è possibile vivere in pace con la Terra fintanto che ci mettiamo in relazione e trattiamo gli altri esseri della Terra da inferiori. Le piante, gli animali e i minerali, inclusa la loro coscienza elementale, non sono destinati a essere nostri schiavi. Essi rappresentano diverse sfaccettature della vita attraverso cui la nostra partner, la Terra, sta tentando di collaborare con noi. Essi rappresentano i volti di Gea attraverso cui lei vuole comunicare con la nostra cultura globale. Invece di istituzioni democratiche che funzionano soltanto tra umani, dobbiamo creare nuovi atteggiamenti e stabilire regole per abbracciare una famiglia allargata e fornire a ogni membro della nascente geocultura un posto rispettoso e protetto all’interno della comunità globale.
  2. Non è possibile sviluppare una partnership nuova e soddisfacente tra la cultura umana e la Terra se noi, esseri umani, non ci sforziamo di divenire chi siamo veramente rispetto alla nostra essenza centrale. Il percorso verso la consapevolezza di sé è il primo passo. Imparare a sostenere in modo permanente la propria pace interiore, la centratura e il radicamento è la seconda meta. Non esitiamo ad accollarci un terzo tentativo: sviluppare una pratica basata eticamente che ci guidi ad affrontare le sfide quotidiane del nostro mondo in transizione.
    La divisione tra cielo e terra, tra regno dello spirito e regno della vita materiale, sta diventando insopportabile. Tanto tempo fa la Terra smise di essere un bimbo immaturo del mondo spirituale. La Terra, Gea, dovrebbe essere accettata come un cosmo autonomo, completa in se stessa, incluse le sue dimensioni spirituali. Nel prossimo livello d’esistenza il cosmo della Terra rappresenterà poi un’unità olografica di un universo più vasto.
  3. Non è possibile sviluppare una partnership nuova e soddisfacente tra la cultura umana e la Terra se non c’è la volontà di trasformare le concezioni religiose tradizionali che negano l’essenza divina della Terra e della creazione di Gea. L’essere umano è maturo per essere capace di una decisione libera e responsabile riguardo a come connettersi con l’essenza divina dell’universo, così come riconnettersi con la sua essenza centrale. Dobbiamo intraprendere anche il prossimo passo e trovare modi di relazionarci alla sacralità della Terra e di tutti gli esseri di Gea, spiritualmente e praticamente. La volontà di comunicare, di aprire il proprio cuore e la propria mente e di condividere la propria presenza con gli altri esseri è la base di questo percorso sacro.
  4. È inevitabile doversi impegnare in modo creativo nella trasformazione dei nostri esistenti sistemi educativi. La naturale sensibilità del bambino rispetto a tutte le diverse dimensioni e livelli dell’esistenza dovrebbe essere protetta e nutrita. L’evoluzione delle capacità razionali possono avere uno status secondario. Gli esseri umani, la cui sensibilità verso le diverse sfaccettature della vita è stata incoraggiata e sviluppata, diventeranno partner amorevoli della Terra e abitanti co-creativi del cosmo Terrestre in modo naturale. Una chiarezza di consapevolezza rafforzata e in evoluzione è parte di questa sensibilità.
  5. La Terra è un caro pianeta di straordinaria vitalità e abbondanza vitale. Se un’ampia parte dell’umanità muore di fame, vuol dire che le risorse della Terra non vengono gestite in modo appropriato. Per cambiare questa tragica situazione non possiamo semplicemente modificare i principi su cui l’economia globale funziona. Come esseri umani, come cultura globale, dobbiamo prender coraggio e saggezza per aprirci ai diversi livelli della Terra multidimensionale. Queste dimensioni rappresentano le inesauribili riserve di forza vitale così care a Gea. Per farlo, certamente, dobbiamo vincere il blocco e il pregiudizio razionali riguardo alle cosiddette dimensioni sottili di realtà. Sosteniamo gli sforzi per istituire un nuovo paradigma scientifico che onori la pluri-dimensionalità della natura, della Terra e degli esseri umani.
La Terra è un pianeta cosciente con un suo destino e un suo compito nell’universo. Gea, l’anima della Terra, non è capace di sostenere e preservare la vita sulla superficie del pianeta se i suoi centri di forza vitale e coscienza elementale, esistenti in molti paesaggi e località su tutto il pianeta, non sono liberi di respirare e operare secondo il suo progetto. (L’ignoranza della nostra civiltà di questi aspetti della vita di Gea ha danneggiato e bloccato il funzionamento appropriato di molti di questi luoghi). L’arte e la scienza della geomanzia vengono sviluppate, affinché la cultura umana possa avere delle intuizioni riguardo all’importanza cruciale dell’organismo di energia vitale, la coscienza elementale della Terra e le dimensioni sacre della vita del pianeta. 

Tutta questa nuova conoscenza è di poco uso se non viene messa in pratica, il che significa, anzitutto:

  • Sviluppare e praticare la percezione e il riconoscimento della coscienza e dell’essenza animica della natura, della Terra e dei suoi esseri.
  • Sulla Terra proteggere i luoghi che hanno un’importanza decisiva per la vita del pianeta e per celebrare la loro sacralità.
  • Sostenere i passi che Gea, l’essenza della Terra, sta intraprendendo per creare un nuovo spazio di realtà e, così facendo, evitare l’esaurimento distruttivo dei sistemi vitali sul pianeta.

18 Febbraio 2009, Marko Pogacnik

Educazione a Gaia
di Claudia Pecoraro

"L'educazione alla terra”, metodo efficace per imparare a rispettare la natura.
Stimolare giovani e adulti al rispetto del nostro pianeta è un obiettivo prioritario. Per capire come si possa diffondere una coscienza ecologica, abbiamo quindi intervistato la dottoressa Marilena Cappuccio, educatrice ambientale di Palermo.

Incoraggiare giovani e adulti al rispetto del nostro pianeta oggi è un obiettivo necessario e prioritario, e tanti sono i metodi “didattici” che mirano a diffondere una coscienza ecologica tra un pubblico sempre più vasto.

Abbiamo intervistato la dottoressa Marilena Cappuccio, educatrice ambientale di Palermo che da molti anni, insieme ai membri della sua Associazione “Giona per la Terra”, sperimenta un approccio di origine americana, considerato tra i più efficaci per sensibilizzare le persone ad avere più riguardo per l’ambiente che ci ospita.

Si tratta della “educazione alla terra” (earth education), di cui, in questa prima parte dell’intervista, impareremo a conoscere la storia, dalla nascita negli Stati Uniti fino al suo arrivo in Italia, alla sua attuale applicazione.

Dottoressa Cappuccio, cominciamo con lo spiegare cosa si intende per “educazione alla terra”.
"Il metodo “educazione alla terra”, che vi invito a scrivere con le lettere minuscole proprio come vuole il suo fondatore, può essere considerato un’alternativa alla più tradizionale “educazione ambientale”, che si prefigge di essere «di base e di massa, alla portata di tutti e per l’urgenza del momento»".

Per capire meglio, torniamo indietro alle origini del metodo...
"L’educazione alla terra" nasce negli Stati Uniti negli anni ‘80 ad opera del prof. Steve Van Matre, che crea attorno a sé il gruppo più grande del mondo di persone che operavano volontariamente nell’ambito dell’ambiente: l’Institute for Earth Education, attualmente esistente.

Tutto ebbe inizio dall’esperienza diretta del prof. Van Matre nel campo dell’“educazione ambientale”, nata negli anni ‘60, quando, ormai assodati i rischi e le problematiche del nostro pianeta, si cercava già di migliorare i comportamenti dell’uomo in tal senso. Col passare del tempo, il professore si rese conto che, in 20 anni di applicazione di questo metodo, troppo poco era cambiato, e occorreva una critica attenta sul perché i propositi iniziali stessero fallendo".

Cosa emerse da questa prima analisi?
"Venne subito fuori che sotto il concetto di “educazione ambientale” era finito un po’ di tutto: dalle escursioni con una guida, a qualsiasi laboratorio all’aperto, fino all’educazione fisica nelle scuole. Bisognava mettere a fuoco meglio gli obiettivi. Ecco che Van Matre propone un’alternativa, che chiama “educazione alla terra”, la quale si propone di «aiutare le persone a vivere più lievemente sulla Terra», sia a livello fisico, sia dal punto di vista dei comportamenti e degli atteggiamenti. (Il risultato di queste riflessioni viene pubblicato nel volume basilare “earth education... a new beginning”)".

Quando e come arriva in Italia la nuova metodologia?
"L’Istituto centrale, che ha sede a Cedar Cove in West Virginia, possiede numerosi “rami” in tutto il mondo: in USA, Canada, Giappone, Australia e, quanto all’Europa, in Olanda, Germania, Spagna e Inghilterra. In Italia l’“educazione alla terra” è sbarcata negli anni ‘90 ad opera di alcuni giovani che si erano formati in Inghilterra, e il “ramo” nazionale ha sede nel Parco fluviale del Pò e dell’Orba. Tra i vari coordinamenti regionali, ne esiste uno in Sicilia che fa capo all’Associazione Giona per la Terra, di cui io sono appunto referente".

Qual'è la formazione dei membri della vostra Associazione e come vi siete avvicinati al metodo di Van Matre?
"Noi tutti abbiamo una formazione simile: qualcuno di noi è agronomo, la maggior parte proviene dalle Università di Scienze Naturali e Ambientali, anche se per forza di cose abbiamo dovuto approfondire conoscenze di sociologia, pedagogia e perfino recitazione. Uno dei nostri membri si è innamorato dell’approccio di Van Matre dopo aver seguito un corso di introduzione all’“educazione alla terra” nel Parco d’Abruzzo. Al suo ritorno, ci ha trasmesso il suo entusiasmo e abbiamo provato ad applicare questo metodo ad una serie di attività rivolte ai fruitori occasionali della splendida Riserva naturale dello Zingaro (Trapani). Qui nel 1997 è sorto Terra Magica, il primo centro stabile in Sicilia, dove le nostre attività, allargate pian piano anche alle scuole elementari e medie, sono andate avanti per 4 anni, registrando una media di 500 ragazzi all’anno. Gli operatori locali, che sono stati formati allora, oggi continuano ad applicare lo stesso metodo".

Dopo i primi quattro anni, come hanno avuto seguito le vostre attività?
"Dopo varie altre esperienze in giro per la Sicilia, dal 2000 abbiamo ottenuto in gestione una struttura all’interno del Parco delle Madonie, in cui abbiamo investito gran parte delle nostre energie. Il centro si chiama Pacha Mama che nella lingua degli Indios vuol dire “Terra Mamma”, perché ci piace pensare al nostro pianeta come una mamma che si prende cura di noi ma che dall’altra parte ha bisogno del nostro affetto. Qui abbiamo raggiunto picchi di 6000 presenze all’anno, tra fine-settimana per famiglie, campi estivi, formazione per le scuole superiori, per gli insegnanti, e per gli enti gestori delle aree protette".

Qual è la situazione allo stato attuale?
"Dopo 8 anni di pressanti richieste, finalmente il Parco delle Madonie ci ha riconosciuti come centro accreditato del Parco, quindi tutte le nostre iniziative sono patrocinate automaticamente da quest’ultimo. Inoltre l’Azienda Foreste Demaniali ha individuato l’“educazione alla terra” come metodologia ufficiale per tutte le attività didattiche di profilo ambientale che hanno luogo nelle riserve da essa gestite. Un altro importante passo è che stiamo per entrare in un coordinamento di centri di educazione ambientali a livello regionale, con lo scopo di creare una rete e promuovere iniziative sia singole che congiunte".