Italiano a seguire...

Sacred spaces and Geomancy in Nature
Aspetti energetici e sacri 
degli spazi in Natura
"Geomancy is the art of working with the powers of Gaia in order to harmonize with Earth's frequencies." (B.H.Clow) 

Gaia is Earth's Spirit. Every location on Earth holds encoded knowledge in its energy patterns that can be accessed and used by humans, animals, or plants. 

And, through Earth’s vortices, symbols and sacred sites, higher intelligences of the planet offer new information and Inter-Dimensional Technologies for raising our consciousness. Geomancers attune themselves to land, water, wind and weather to place buildings__ homes or ceremonial centers such as pyramids, stone circles or labyrinths__ at the most advantageous energetic locations on the planet. Earth’s bell-like vibration, tuned to incoming cosmic rays, relays expanded information to humans at these sites. In a "Dreamtime" state__ the "Zone" __ human minds can harmonize with Mother Earth’s resonance because we are all made in matter, visible and invisible, and all the matter is connected by frequencies. The right vibration in the right place links us with the inherent wisdoms of both Earth and Cosmos. 

Quartz crystals in radios, TV sets, computers and other receiving and broadcasting devices also sense energy fields, receiving, storing and broadcasting information on demand. Researchers recently labeled humans as "living crystals"__ transmitters of these same subtle energies. Magnetite crystal cells in the human brain enable us to both sense and broadcast through energy fields.This is how and why great civilizations arose at powerful ancient grid sites. Our lives are affected and influenced by the space we live and work in. Whether we are aware of it or not, there are many factors of energetic patterns in our space that generate and run our underlying purpose of life. The layout of our space correlates directly with the feelings we have and the results we will create.

It is my pleasure to assist you in creating sacred space in your living and working environment. My Service uses modalities such as Feng Shui, Space Clearing, Dowsing, Art and Sacred Geometry. These ancient methods of alignment shift the invisible energetic patterns in our space to match balance for greater consciousness.

This kind of work is named Feng Shui in Chinese means “Wind and Water”. It is the ancient art of placement and aligning an environment. Similar approaches have been practised in India as Vasthu and in Europe as Geomancy. It deals with the relationship of people with place and time. It is observes the vibrational principles that our universe and nature are based upon: flow of Chi, the vital energy flowing through everything, yin and yang and the five elements and how when imbalanced it influences our life and especially our emotional well-being in a particular environment.

The intention of Geomancy is to enhance and balance the energy on the spaces. By strengthening the supportive energies present we increase the possibilities for personal success, well being, good relationships and relaxation.

Nowhere do feng shui and geomancy come together more elegantly than in the design and construction of gardens, healing spaces, spas, and sacred enclosures. These are spaces that are closely connected with the forces of the cosmos and with the spiritual qualities in humanity and can therefore effectively partake of the wisdom, knowledge, and tools available to the feng shui consultant. The practice of feng shui in this area, in fact, requires tools than are distinct from the more common approaches ordinarily used in residential or office design.

These tools include criteria, methods, and analytical approaches for the design and construction of sacred architecture, healing spaces, healing gardens, temples, shrines, and graves. Commonly known as yin feng shui (to distinguish it from its more secular form called yang feng shui), the feng shui of the sacred was originally meant to include grave location, positioning, and orientation. Together with western geomantic techniques employed to spaces in Europe and the Americas, feng shui allows us to connect the healing garden or sacred structure directly to the power of heaven and earth, to the spiritual forces of the region, its topography and water systems, and to the spirit of place redolent in the particular site. It also allows us to tap into the divine qualities in both the individual as well as the community.

Creating sacred space is one of my top priorities, partly because feng shui and geomancy are ideally suited to this task (healing is the other), but also because the landscape is being de-sacralized at an alarming rate. Industry, urban sprawl, desecration through war and conflict, and the radicalization of ideological concepts are all threatening to destroy the web of sacredness that Nature and the Divine have placed at our disposal here on Earth.

Recovering a respect for the holy, and allowing this to manifest with grace and natural beauty in the built environment, are contemporary challenges of unparalleled importance. Without a sense of the sacred in everyday life, there is no possibility for conscious life, and therefore, no real possibility for sustainability in the long term.

My clients in this field have included organized religious groups, hospitals and spas, artists, healers, and individuals intent on creating sacred containers for their lives, either through intentionally holy spaces, or through sacred areas in homes, offices, or gardens.
Chalice well garden Glanstonbury
Gardens and landscaping have the power to connect us to larger cosmic forces and to make these available for our delight, regeneration, and healing. Our work has focused on the creation of gardens for hospitals, educational facilities, institutions, and private residences. 

Whether it is in a large conservation area, a healing garden, or a tiny urban plot, the placement of water, vegetation, rock outcroppings, sculptures, and buildings is intended as an exercise in global harmony; each outdoor space, no matter how small, can be a representation of the larger Cosmos. By connecting directly with the forces of nature, the seasons, and weather, our senses are stimulated and our appreciation for beauty is enhanced. In addition, healing power can be harnessed, and connections can be made to our ancestry, our spirituality, and our history.

All of nature can be understood as a repository for the sacred, so in a sense all gardens are healing places. Labyrinths, groves, meadows, sculpture, and outdoor pavilions can all be used to enhance the spiritual power of the land. In all cases landscaping should be seen organically; the seasons should be respected and can be used for their symbolic and regenerative power; the land should be allowed to inform us and direct our efforts.

Where as the interior of a structure is conceived in terms of the movement of vital energy (chi) and the disposition of objects in space, outdoor environments are more directly correlated to the forces of nature. Hence, the theoretical constructs and practical tools used for landscaping are substantially different from those used indoors. In addition, landscaping considerations need to be correlated against other factors such as geopathic stresses, the global geomagnetic grids, underground water, and mineral deposits.

In a consultation I attune to the spirit of the environment before hand to understand the underlying causes of discomfort or distress in someone’s environment. Locally I take a reading of the compass for the orientation of the place and a tour of the space to observe any structural and decorative elements that might create stagnancy. I study the plan and draw on it an energetic template that acts as a map to diagnose the major areas that can face imbalances. This map also serves to give direction how to rearrange colours, plants, paths, flowers, objects, place affirmations and intentions that harmonize the space to match balance.

For the second visit we take into consideration the astrological potential of the inhabitants and integrate cures of vital energy to stimulate the energy field for higher vibrations and to maintain a stable vibrant energy. 

A Guide to The Structure of Spiritual Emblems 
Alchemical Tree of  LifeThere is a secret language we all recognize, but few are fluent in- the language of symbols. Symbols surround us in myriad forms and form an inextricable part of our daily lives, yet unlike our spoken languages, schooling in symbolism is left to the individual initiative. Even in religious teaching, symbols are presented as emblems of belonging, mere historical artifacts one wears to identify with one’s faith.
Many of the symbols we take for granted today as static signs of religious or secular life were created long ago, representations of the movements of earth and heaven, symbols of the seasons, and representations of cosmic and earthly deities. Over time, they have acquired layers of increasingly complex meaning, and this evolution of meaning tells us much about how we developed our ideas about the nature of life and the universe.
Signs used in modern magic and Western religious traditions share a common ancestry that dates before the creation of writing. These symbols are powerful because they are archetypal- even cultures that do not share language share an innate understanding of symbols. In this article we’ll explore the evolution of symbolism by examining the basic elements that make up more complex symbolism. The symbols of western magic, astrology, and alchemy are based on a common symbolic ‘alphabet,’ composites created from smaller symbols.
Knowing how to recognize these smaller units will allow you to decipher many of the larger symbols whenever you encounter them. Knowing the secret system behind these symbols can provide an incredible amount of insight into even the most inscrutable signs

The basic building blocks of symbolism 
The Circle is the most common and universal signs, found in all cultures. It is the symbol of the sun in its limitless or boundless aspect. It has no beginning or end, and no divisions, making it the perfect symbol of completeness, eternity, and the soul:
The circle is also the symbol of boundary and enclosure, of completion, and returning cycles. The circle symbolism most familiar to us is that of the wedding ring which encircles the finger associated in ancient times with the heart. The wedding ring symbolizes not just a pledge of eternal love, but the enclosure of the heart- a pledge of fidelity.
The circle reflected represents the dyad, the introduction of duality, and represents creation and manifestation. The symbol of the dyad is known as the ‘vesica pisces,’ or fish bladder, because it appears as a fish. The equal armed solar cross is another universal symbol, which can be found in every culture with a knowledge of the passage of time. It is the first truly theological emblem, marking not only the points of the solar calendar, but the juxtaposition of the realm of the material with the realm of the divine.

The Spiral
The most dominant representation of the spiral comes from Celtic cultures.  For the ancient Celts, a spiral was representative of growth, birth, and expansion.  It could also have the meaning of energy radiating outward or inward (a spiral can go both ways depending on how you’re looking at it).  The Celts also use a triple spiral called a triskele that is representative of the triple goddess and in later Christian periods came to be associated in some places with the Holy Trinity.

There is an African symbol called the “dwennimmen” that is a series of spirals combined into one symbol to fork something else.  This is called the “ram’s horns” and is a symbol of strength and humility.  Even though the symbol is not strictly that of a spiral, this is clearly showing how the spiral is a pervasive image that can often be co-opted for use in other ways that would change its meaning into something else.

The spiral is a largely positive ancient symbol representing eternity, change/growth, and even the evolution or movement of the universe.  Some say that the spiral is a goddess symbol, and I suppose it can be, though that meaning is usually associated only with the triple spiral and not the single spiral.  I prefer the ancient Minoan tradition for the spiral, myself: infinity and change.

The square

It underscores the potential duality in everything and encourages balance. We can even see oppositional balancing here.
Our awareness can be that point bouncing between the aspects of duality housed within each side of our experience (dark, light, up, down, physical, spiritual, etc).
These kind of attributes cause the square symbol to be an anchor to the Hindu way of thought. Here we see squares representing the natural (structured) order of the universe.

We can branch off from there by observing the four-sided structures that surround us in our environment. Like:
The four cardinal directions (north, south, east, west).
The four major season (winter, spring, summer, autumn).
The four cosmic elements (suns, moons, planets, stars).
The four common phases of human life (birth, child, adult, death).
The four prime elements (fire, earth, air, water).
In the Chinese way of thought, the square is a symbol for earth with the circle representing the shape of the heavens. This lends further weight to the earthy, grounded nature of the square symbol meaning.

So unlike the circle, or the spiral symbol meaning - the square is comprised of straight lines. This can be a real validation of meaning. Those fixed lines invite a feeling of stasis, fixation and immutability, don't they.

In fact, when I see squares in my readings/interpretations, I always think of foundations (like homes, buildings or even plots of earth squared off for gardening). Squares are symbolic cues for me, and they speak to me about hearths, homes, matter and materialistic concepts.
Indeed, our ancestors transitioned from nomadic life by exchanging tents and teepees (circular) for solid square-based structures. I find this, and its implications fascinating.

All of these aspects combined (perhaps as a meditative tool, contemplating the square) invite us to do precisely what the square implies:

Implement a plan,
Build on that plan and
Manifest ideas into our reality.

The cross is in this case actuality two separate signs-
First, a vertical axis, representing man, the body, and our upright posture, which is unique in the animal kingdom. The vertical line symbolizes the path from earth to heaven and the realm of spirit, symbolizing the dual nature of man, who embodies the spiritual and the temporal. The vertical axis equates directly to the human spine and to the tree of life, as well as to the axis mundi, the great pole around which the constellations of the zodiac revolve. These seemingly disparate ideas share a common idea- they link the earth and heavens. Thus is the concept of the connection between earth and heaven established- and also the divinity of man, who alone is built on this axis.

The horizontal axis, represents the path from birth to death, beginning to end, and linear time. This axis represents life on earth as a binary, linear process- life to death, beginning to end, and the dual nature of human existence evidenced by our symmetrical shapes: left and right, male and female, good and evil. These ancient concepts are embodied even in our language- our good, “righteous” side, and our dark, “sinister” side. (sinister having the original meaning “of the left hand”)
Both axis are also representations of the sexual nature of man, the vertical line representing the solar phallus, and the horizontal, the receptive, female earthly nature. Many early solar temples (such as Stonehenge) are not only solar calendars, but representations of the earth awaiting fertilization from the masculine energies of the sun. (The appearance of the rays of the solstice on these ancient solar altars represents the copulation of the gods) The cross, then, is the symbol of humanity- when the two axis are combined in a cross shape, they represent the cube of space, the four elements, and the binding together in man of matter and spirit. (The old geometrical puzzle of ‘squaring the circle’ is a hidden reference to the continual difficulty of reconciling spiritual and material concerns.) 

A cross within a circle forms a solar cross or a horoscope wheel, both symbols of spirit and matter. A horizontal bar within a circle is the alchemical symbol for salt, pure material existence in its most exalted state. The equal-armed cross is often disguised in religious art as a four petaled flower, a cube, or a scepter. Examples of this cross in it’s simplest meaning will be found in primitive swastikas and sunwheels; the more complex spiritual meanings in the symbols of alchemy, the Templar's equal armed cross, and the symbol of the crucifix. Because of the inherent nature of this symbol as representational of both the sun and the divine in man, the cross is commonly associated with redemptive solar deities. (Read more about the Dying God archetype here) 

The Tau cross is a later variation, with a horizontal bar balanced atop a vertical bar, creating a “Tau,” or “T” shape. With its exaggerated vertical axis, the tau cross is associated with sacrifice of the lower, base nature, and emphasizes the earth/heaven connection. Some examples of the Tau cross are the cross of Attis, the egyptian Ankh (surmounted by a loop or circle), and the Norse Irminsul.

The arc found in more complex symbols, especially planetary symbols, represents ascension or striving. The arch has been a traditional element of architecture and often figures in commemorative monuments of triumph and achievement. The sigils of the planet Saturn and Jupiter, for example, combine identical symbols with very different results, using the arc in conjunction with the cross. In the sigil of Jupiter, the arc of aspiration rises above the struggle of matter and spirit, and symbolizes bounty, triumph, expansion, and success. Saturn’s sigil places the cross above the arc- ascension subverted by the material struggle, and a symbol of Saturn’s power to limit and confine:

The crescent represents the powers of the moon- reflective and receptive. (An example of this symbol taken to its highest symbolic meaning would be the Holy Grail) A reversed crescent often represents emptiness and illusion.

The triple moon is a Goddess symbol that represents the Maiden, Mother, and Crone as the waxing, full, and waning moon. It is also associated with feminine energy, mystery and psychic abilities. You often see this symbol on crowns or other head-pieces, particularly worn by High Priestesses.

The Maiden represents enchantment, inception, expansion, the female principle, the promise of new beginnings, youth, excitement, and a carefree erotic aura. The Maiden in Greek Mythology is Persephone - purity - and a representation of new beginnings. Other maiden goddesses include: Brigid, Nimue, among others.

The Mother represents ripeness, fertility, fulfillment, stability, and power. The Mother Goddess in Greek mythology is Demeter, representing wellspring of life, giving and compassionate. Other mother goddesses include: Aa, Ambika, Ceres, Astarte, Lakshmi.

The Crone represents wisdom, repose, and compassion. The Crone in Greek mythology is Hecate - wise, knowing, a culmination of a lifetime of experience. Crone goddesses include: Hel, Maman Brigitte, Oya, Sedna, Skuld, and others. These aspects may also represent the cycle of birth, life and death (and rebirth). Neopagans believe that this goddess is the personification of all women everywhere.

The triangle is one of the most easily recognized religious symbols in the West, most commonly associated with the Christian trinity or Freemasonry. The triangle is the simplest geometric shape, and also the first purely theological symbol. To the ancient Pythagoreans, the triangle was, as the first complete polygon, the womb of number and the essence of stability.  Triangles stand in for the Christian trinity of Father, Son, and spirit, as well as the earlier primordial trinity of Isis, Osiris, and Horus.
The upward moving triangle is sometimes called the blade (the chalice and blade figure ceremonially in many ritual magic operations). It is a symbol of aspiration or rising up, male force, and fire. It is purely phallic in origin. The triangle represents aspiration, rising force, and the male principal.
The downward pointing triangle is sometimes referred to as the chalice. It is the symbol of water (as it flows downward), the grace of heaven, and the womb. it is one of the most ancient symbols of female divinity, as a representation of the genitalia of the goddess.

When combined, the triangles of fire and water form a potent symbol of balance and divine union. In western tradition, it is called the Seal of Solomon, and the symbols for air and earth are derived from the reconciliation of water and fire in this symbol. The hexagram has an identical meaning in Hinduism and Buddhism as well, where it also represents the divine union, or perfect balance of male and female energies. Kabbalistically, it is the sign of resurrection and completeness- in Hebrew tradition, it is called perfect. Occasionally, this conjunction forms a diamond or lozenge shape.

This shape as a bulding most commonly is a symbol of the spiritual development of the human being or, more precisely, of its envelopment as the return to the Principle is considered here. The different steps of the pyramid symbolize the various stages of spirituality to be achieved. Reaching the top consists in reassembling in a unique point the directions scattered at the four corners of our life. It is a matter of re-integration of the being into the Being. This reintegration process conveys the human being from an individual and specific state to a supra-individual and universal state, which is common to all of us. Putting the finishing touches to this ascent means realizing the perfect integration of human and divine worlds and really becoming the “Universal Man”. Having reached this stage of spirituality, the being is not able, in principle, to go back to its previous state of individual and to go down the pyramid steps.
Before becoming tombs for royal remains, the pyramids, especially Egyptian ones, probably constituted ritual places where the Pharaoh was initiated to Mysteries. The initiation consisted in a symbolic death of the current state of being and a re-birth into a higher order one; it occurred in all likelihood within the chambers fit up inside the construction. Consequently, the passage from a symbolic to a properly physical tomb must have corresponded to a degeneration of the initiation art.

The presence of these chambers meant that the pyramid could be climbed not only according to the external steps, but also from the inner room. As a symbol of the cave or cosmic world where every individual is living, the chamber was used as a heart for a spiritual journey of the initiate in order to reach the summit where the being communicates with the Spirit. In this case, the ascension did not occur on the external slope, but alongside the vertical axis linking the being to the top of the edifice. This direct way gave access to what the Ancients called the “Great Mysteries” or the rebirth of the human being as spiritual Being (for more details, see the Great Pyramid).

Many other pyramid aspects may be mentioned, but they would only confirm its deep meaning.

The pyramid and the cosmic cave may be symbolized by two reverse triangles, the first containing the second. The pyramid represented by the triangle pointing upwards evokes the supra-cosmic world and its Principle situated at the summit. The cosmic cave is assimilated to the triangle pointing downwards and symbolizes the manifestation of the Principle here below. The supra-cosmic or inner world contains the cosmic or outer world for it includes everything as the Whole.

The reverse nature of both triangles provides a typical analogy proper to the alchemists. According to the “Emerald Table”, what is up or above the water surface (supra-cosmic world) is reverse reflected below the water surface or down in this world (cosmic world). The superior becomes inferior, the inner is transformed into the outer and the universal is changed into the individual and so on. Finally, the human being only perceives a reverse reflection of the reality to which he will have barely access when going through the water surface.
When both triangles are distinct instead of fitting each other, the triangle pointing upwards or to Heaven symbolizes fire or the igneous principle while the one pointing downwards or to Earth represents water or the humid principle. They both refer to basic alchemy principles.
When triangles intersect, they portray Solomon's seal fulfilling the perfect union between Heaven and Earth, between the divine and the human realized within the “Universal Man”.

"The evolution and development of the Cosmos, spiritual and physical, were first recorded by philosophers in geometrical changes of form. Every esoteric cosmology used a circle, a point, a triangle and a cube and so on. These later were incorporated into a simple geometrical form such as is called in the Qabalah 'the Tree of Life'.”
Israel RegardieThe Tree of Life1

The Third Dimension presents a specific polyhedral form produced by nine octagons. Now, if we shine a light in the center of that structure, projecting the light in all directions and onto a spherical surface, shadows cast by the nine octagons will create nine great circles on the sphere.
(Line drawings taken by Paul D. Burley ©2012 during research for The Sacred Sphere.)        


Recalling those examples shows that a unique symbol may be understood in different ways according to the point of view chosen. A symbol can not have a single meaning, otherwise it would risk to be reduced to a simple piece of information.
The various interpretations of a symbol do not contradict each other. On the contrary, they complement each other as they give different shifts of emphasis of a unique metaphysical or supernatural reality, lying beyond the physical or natural world. A symbol is a synthetic representation of a whole range of Ideas accessible to everybody according to their abilities and comprehension level.
The symbol constitutes a meditation object towards the supra-individual or supra-sensitive world. A world beyond words, expressiveness. According to this, the symbol is the language of silence, of inexpressibility, which is common to all cultures, to all times. It helps us to move towards the common truth to all manifestations of the Principle, only accessible through initiation. Print of the descent of the spiritual influence, the initiation is source of revelation of the only real initiatory secret, the incommunicable belonging to the nocturnal world in contrast with communication belonging to the diurnal world. 
The different articles try, in accordance with the possibilities of the terrestrial world, to move slightly towards the universality of the celestial world. As symbols have no borders, these texts are dealing with aspects concerning ancient traditions as well as themes relevant to the so-called modern world. Moreover, the symbols taken into account refer to each other because they are never isolated, but always closely related.

Aspetti energetici e sacri degli spazi in Natura

Gli aspetti energetici sono quelli legati alla forma, al simbolo, agli orientamenti che si vuole dare al luogo... perchè un edificio sorge in un contesto che andrebbe orientato primariamente a seconda di cià che si vuole fare in quel luogo. Questo lavoro si chiama Geomanzia ma io non lo uso frequentemente. Non amo troppo dare i nomi alle cose... si tende sempre a cristallizzarle se non sono appropriati.

Il mio lavoro da paesaggista è basato su questi principi senza tempo, non solo per me, ma per tutti coloro che consapevolmente o inconsapevolmente operano in co-creazione con la Natura. I luoghi della Terra, gli alberi che fanno parte di un luogo sono da sempre stati legati ai pianeti o agli aspetti del divino, come ogni aspetto botanico o erboristico è stato utilizzato in un contesto spirituale, sia esso fatto di incantesimi, rituali, o di culto. Nelle antiche culture, la Geomanzia, nota anche come  feng shui, nella versione orientale, è una scienza che analizza le  energie sottili della natura che fluiscono e rifluiscono nel paesaggio,  negli individui e nella loro salute, influenzando ogni aspetto visibile e  invisibile. Ogni cultura ha in sé custodite, più o meno apertamente,  antiche tradizioni geomantiche. Gli scienziati moderni parlano di  geobiologia di Gea.

Dove  lo Spirito della Terra è presente in modo concreto e direi sublime, gli antichi popoli si riunivano nei luoghi di natura per le pratiche spirituali o energetiche. I  templi e le chiese sono stati costruiti in quei luoghi viventi. Si può anche, attraverso pratiche e operazioni, portare in un luogo spiriti di natura invitati che abbiano, come sfera di appartenenza, l'energia di guarigione piuttosto che l'energia di connessione con le forze divine. Dipende dall'uso che si vuole fare di un giardino... e a quali energie si vuole connettere per averne gli effetti positivi desiderati.

Accenni sulla Geometria Sacra di Massimo Piazza

La Geometria Sacra permette di catturare l'energia divina in modo che possa essere manifestata attraverso forme e strutture, in qualsiasi dimensione. Alcune costruzioni si possono definire sacre poichè, oltre ad essere dedicate al culto ed alla devozione del divino, sfruttano particolari rapporti di proporzione e simboli che generano energie di bellezza, armonia e perfezione. La Geometria Sacra nella terza dimensione puo' essere paragonata alla trasposizione di quei 'mattoni di luce' con cui si realizzano opere in dimensioni sottili.
Nella terza dimensione la Geometria Sacra si realizza attraverso la composizione nello spazio di figure base di seconda dimensione che sono simboli energetici di grande potenza spirituale. Questi simboli sono doni di Dio per aiutare gli esseri umani e sono stati utilizzati dalle civilta' antiche che hanno popolato la Terra; alcuni di questi sono stati tramandati fino a voi.

Esso rappresenta la perfezione e l'unita'. 
E' l'alfa e l'omega poiche in esso non esiste ne' principio ne' fine. 
Nella seconda dimensione il cerchio non si puo' orientare: in modo equanime cattura l'energia da ogni suo punto periferico per trasmetterla al centro. 
Esso trasmette energia di perfezione e di equanimita'; in generale convoglia le energie verso il suo centro. Se volete ricevere energie, ponetevi all'interno di un cerchio. 
Il cerchio e' movimento eterno senza principio ne' fine, e' eterno divenire ciclico: e' il simbolo dell'eterno ritorno, il cerchio dell'esistenza umana e delle stagioni.

Il cerchio nella terza dimensione e' la sfera. La sfera, nella sua perfezione, rappresenta Dio. Tutti i Soli, espressioni della luce e dono spirituale, prendono la forma di una sfera. I centri energetici nell'uomo possono essere rappresentati da sfere di luce che ruotano su se stesse. La sfera e' scambio energetico. Essa cattura le vibrazioni divine e le convoglia nel suo centro il quale, vivificato, irradia all'esterno restituendo, amplificata, l'energia divina ricevuta. Da un punto di vista sottile, tutti i Soli funzionano cosi'. A seconda delle loro caratteristiche ed energie, sono in grado di catturare vibrazioni cosmiche divine di diversa frequenza. Esse, convogliate nel centro, vengono poi donate all'esterno. La sfera, costituita da vari tipi di cristallo, puo' essere uno strumento utilizzato dalla chiara visione per vedere al suo centro presente/passato/futuro degli esseri in ogni dimensione. In questo caso il terzo occhio del veggente comanda alla sfera, cioe' ai cristalli che la compongono, di orientarsi in un certo modo e di attrarre vibrazioni energetiche che hanno costituito o che costituiscono dati avvenimenti. Queste frequenze sono convogliate all'interno della sfera e poi espanse all'interno della sfera stessa. Il veggente puo' cosi' vedere cio' che desidera. La sfera quindi e' un potente mezzo per attirare e trasmettere energia divina.

La Spirale e' la realizzazione del cerchio verso l'alto, verso l'unione con l'Uno. Essa rappresenta il cammino spirituale di tutti gli esseri che attraverso le esperienze, si uniscono e fondono le loro coscienze in Dio. 

La Spirale rappresenta anche l'Energia Divina che avvolge e purifica: infatti visualizzando l'energia di guarigione che si avvolge a spirale intorno all'essere, si realizza la sua purificazione e guarigione da un punto di vista spirituale.

La Spirale e' anche la schematizzazione del percorso spirituale di tutti gli esseri visto come una scala. Da qualsiasi punto si inizi, cioè qualunque sia il proprio livello energetico di partenza, la spinta naturale del Sé conduce la coscienza ordinaria verso l'alto, verso la meta. 

La spirale ha quindi l'intrinseca energia di spinta verso il divino. Nascita e Potenziamento dell'Aspirazione al Divino. Il simbolo della Spirale può essere di aiuto alla coscienza ordinaria a riscoprire il contatto con il proprio Sé, quando questa vive concentrata e focalizzata nell'illusione ed ignoranza. La Spirale potenzia la spinta energetica fornita dal Sé alla coscienza ordinaria per farla progredire spiritualmente attraverso le proprie esperienze.)

Il cono puo' essere visto come un cerchio nella terza dimensione: infatti si puo' costruire un cono partendo da un cerchio tagliando un raggio, avvolgendo le due parti tra loro. Come la Spirale esso attira a se' Energia Divina, Saggezza e Conoscenza. Nell'iconografia antica, spesso maghi ed alchimisti venivano raffigurati con in testa un cappello a forma di cono. Nelle chiese sono state realizzate delle guglie a forma di cono per canalizzare l'energia divina nelle sue molteplici vibrazioni e diffonderle nell'ambiente circostante. Anche alcune coppe sono a forme di cono per catturare e canalizzare al loro interno e quindi nel liquido che conterranno, l'energia divina.


E' lo sviluppo nella terza dimensione della croce. La croce, piantata sul terreno, simboleggia le energie della materia che aspirano al divino, allo spirito. Il quadrato rappresenta l'equilibrio dell'aspetto materiale e spirituale ed emette vibrazioni di pace e di stabilita'. Spesso i muri di templi sono stati costruiti con blocchi di granito a forma di cubo.

Il Cerchio ed il Quadrato

Un Quadrato all'interno di un Cerchio rappresenta la pace e l'equilibrio (date dal Quadrato) derivanti dall'abbandono a Dio (cerchio). Questo simbolo, indirettamente e' stato usato nelle colonne dei templi. Infatti alcuni capitelli hanno base quadrata e su di essi appoggiano dei tori che hanno un cerchio come sezione lungitudinale. La loro proiezione sul capitello a sezione quadrata, e' la riproduzione di un cerchio con un quadrato all'interno.


Rappresenta la materialita' nel suo tendere a superare se stessa elevandosi verso l'alto, verso lo spirito. E' importante che il triangolo sia orientato in modo preciso verso l'alto, cioe' che non sia equilatero. Il triangolo equilatero non ha una connotazione energetica chiara e puo' attirare vibrazioni energetiche sia di luce che di ombra.


Le piramidi sono state molto usate nell'antichita' ed anche oggi si riconoscono le sue capacita' di attirare vibrazioni dal Cosmo. Piramidi a base quadrata indicano uno stabile orientamento verso il divino e quindi catturano vibrazioni di luce mentre quelle a base triangolari non sono stabili e possono attirare vibrazioni sia di luce che di ombra. Due triangoli equilateri contrapposti tra loro e racchiusi in un cerchio, rappresentano la polarita' degli opposti unificata in Dio (nell'Uno).

Esaedri, Pentagoni e Cristalli

Sono formati da piu' triangoli orientati verso il punto centrale. Questi oggetti nella terza dimensione catturano in vario modo all'interno del suo centro, l'energia del Cosmo e ricordano, come struttura, quella molecolare dei cristalli e come questi, sono in grado di polarizzare e catturare determinate frequenze energetiche. In particolari dimensioni di coscienza, alcuni esseri di luce si trasformano in cristalli per polarizzare ed orientare meglio la loro energia. Infatti i cristalli possono essere considerati degli accumulatori di energia: l'assorbono per poi rilasciarla poco per volta. A seconda del tipo di struttura molecolare (cioe' a secondo del tipo di geometria sacra a cui fanno riferimento) i cristalli possono trasmettere particolari vibrazioni energetiche ad esempio di pace, guarigione…. Tutto questo e' possibile grazie all'orientamento delle loro molecole che riproduce nello spazio la Geometria Sacra. Sulla Terra i cristalli sono l'espressione pura della Geometria Sacra in quanto ne sono una manifestazione concreta nella materia.

Alcuni saggi del passato come Platone, Pitagora etc… erano venuti sulla Terra per far conoscere all'umanita' la perfezione ed il grande valore simbolico e sottile della Geometria Sacra.
Armonia, Bellezza e Geometria Sacra

L'Armonia e la Bellezza sono attributi e manifestazioni divini. Esse si basano su proporzioni, su rapporti e su composizioni riconosciute su scala Cosmica. Come Uno e' il Se' Supremo, Uno e' la bellezza e l'armonia che si esprimono in infinite manifestazioni in ogni universo e dimensione. La Geometria Sacra, fornisce le regole, le proporzioni ed i giusti rapporti che permettono la realizzazione dell'Armonia e della Bellezza. 

L'Armonia e la Bellezza sono portali di luce che conducono ad elevate dimensioni di coscienza permettendo alla coscienza ordinaria di ognuno di avvicinarsi al divino superando le disarmonie. La Geometria Sacra quindi, intesa come rapporti e relazioni tra forme e come proporzione e composizione, sta alla base di qualsiasi espressione di bellezza ed armonia. Sulla Terra i grandi artisti erano stati ispirati da Dio ed erano grandi Maestri che vi permettono tuttora di elevare le vostre vibrazioni attraverso i portali delle loro opere. In alcune dimensioni di coscienza, si trovano opere architettoniche di sublime bellezza ed armonia che sono state trasposte sulla Terra nel piano fisico.

Geometria Sacra e Natura

Prestando attenzione, e' possibile notare come le principali forme della Geometria Sacra, hanno la loro naturale espressione nella Natura. Nel mondo minerale, come gia' detto, la Geometria Sacra si esprime attraverso i cristalli. Nel mondo vegetale gli alberi assumono le forme di figure geometriche: infatti il cipresso ha una forma riconducibile ad un cono, molti tipi di piante assumono una sforma sferica, il pino ha una forma piramidale. I fiori con i loro petali si possono ricondurre a triangoli che fanno da contorno ad un cerchio. Se si osservano al microscopio le venature delle foglie si scoprono ancora le forme geometriche sacre. Negli animali come nell'uomo, l'armonia e' espressa dalla proporzione dell'essere nelle sue varie parti che lo rende piacevole e perfetto.

Geometria Sacra, Matematica e Musica

Alcuni recenti studi sulla Terra, hanno dimostrato come tutte le forme conosciute preesistenti sul pianeta, non quindi create dall'uomo, si possono condurre a variazioni di funzioni matematiche di base che ne rappresentano l'essenza, la struttura soggiacente. Queste funzioni matematiche sono state chiamate 'frattali'. Questo dimostra come tutto sia regolato ed espresso attraverso principi cosmici universali. Prendere coscienza di questo, permette di capire che il microscopico sassolino, la foglia, il bruco, ogni manifestazione esprimono lo stesso principio cosmico che regola le costellazioni e gli universi. Queste regole sono l'armonia celeste e la bellezza divina presente in noi come in tutto cio' che ci circonda sia nella dimensione terrestre che in altre dimensioni. Le regole, i rapporti generali possono anche essere applicati ai suoni. I suoni sono onde con determinate frequenze ed ampiezze: se si applicano le regole cosmiche, si ottiene l'armonia del suono. Come e' noto, l'armonia e' un insieme di regole che permettono di generare e di accostare un suono ad un altro ottenendo delle composizioni sublimi. 'La Musica delle Sfere' o 'Musica Celeste' non e' altro che il suono cosmico che si manifesta nelle opere che seguono tali regole divine. In questo caso il suono diventa un portale che permette all'umanita' di accedere ad elevate dimensioni di coscienza. Molti musicisti che hanno applicato le regole dell'armonia celeste, hanno composto opere che a sentirle, tuttora elevano le coscienze. Ognuno di voi, pur non avendo talento artistico o musicale, e' sensibile a livello energetico, alle vibrazioni. E' risaputo che ci sono musiche che abbassano le vibrazioni e dipinti che generano pensieri negativi.
In questi casi non sono state applicate le regole di armonia e di proporzione cosmica.

Vibrazioni energetiche umane e vibrazioni d'armonia e bellezza

L'uomo e' luce calata in un corpo fisico. Egli e' quindi un insieme di vibrazioni cosmiche e divine, qualunque sia il suo aspetto e sviluppo spirituale. Le vibrazioni umane entrano in risonanza con le vibrazioni d'armonia e di bellezza poiche' sono caratterizzate dalla stessa lunghezza d'onda. Opere d'arte che applicano le regole divine, amplificano il divino nell'uomo nella dimensione della bellezza ed armonia ed in loro presenza ognuno si sente a proprio agio ed in pace. Viceversa opere che non rispettano le regole cosmiche, perturbano le vibrazioni umane creando sensazioni di disagio e di tristezza. 

L'umanita' puo' realizzare il proprio compito nella gioia, nell'amore e nell'armonia. Dovete sempre cercare di essere a vostro agio per produrre e propagare nel Cosmo le vostre vibrazioni divine. Evitate di essere disarmonici, di provocare stonature nella perfetta sinfonia cosmica. E' vostro compito evitare tutto quello che la vostra intuizione reputa non in sintonia con la vostra natura divina in modo che la vostra vita sia davvero per voi un dono meraviglioso ed un'esperienza indimenticabile di amore, bellezza ed armonia in unione con il vostro Se'.  

Amore, Bellezza, Perfezione Divina

)*(Stazione Celeste)
Capitolo Tre
Le Piramidi Armoniche sulla Terra e Altrove
Ora che abbiamo fatto una panoramica dell’intero modello eterico di questa serie, e trattato alcuni dei fondamenti dal punto di vista di come si comporta la vita nelle densità precedenti, esploreremo alcune delle proprietà fisiche di queste densità, e i loro risvolti esoterici. È importante ricordare ancora che queste densità sono formate da una fonte d’energia fluida non fisica. La prova schiacciante dell’esistenza di un etere fluido è estesa, e sarà trattata in grande dettaglio nei Volumi II e III.

Prima di tutto, da fonti come Ra, sappiamo che l’Universo è Uno. Questo Uno viene unilateralmente citato come Pura Luce Bianca. È anche citato come il “suono fondamentale” dell’Universo, o l’OM. Ci viene poi detto che le cose sono diventate piuttosto statiche come LUno, dal momento che niente è mai cambiato in questa Unità. Così, L’Uno ha deciso di creare nuova vita da se stesso. Per fare ciò, L’Uno ha vibrato se stesso in un’“ottava”. La Pura Luce Bianca è diventata una serie di sette colori: rosso, arancione, giallo, verde, blu, indaco, violetto. Lo spettro dei colori visibili impersonano la memoria di questo. L’Uno Suono Fondamentale si è infranto in una serie di toni puri: do, re, mi, fa, sol, la, si. La struttura immutabile dell’Ottava, quelle note che sono i rapporti matematici più puri e che suonano anche meglio al nostro orecchio, conservano la memoria di questo. (Questi possono essere visualizzati e ascoltati con i tasti bianchi del pianoforte). Un’altra parola per vibrazione è “armoniche”, e useremo frequentemente quella parola per descrivere questi sistemi.

Dobbiamo ricordare che la Luce Pura e il Suono Puro sono semplicemente due modi diversi di descrivere le stesse vibrazioni della fluida “energia intelligente” dell’Uno. Non c’è alcuna reale differenza tra loro, dato che sono entrambi funzioni della vibrazione. Il suono è una vibrazione delle molecole d’aria, e la luce è infine una vibrazione dell’etere fluido. Vedremo nel Volume II come Dale Pond abbia dimostrato che se si moltiplicano le frequenze del suono puro per molte volte, si ottengono le frequenze del colore visibile, mostrando così l’equivalenza tra i due. [La maggior parte degli scienziati accetta che la luce si comporti come un’onda, ma cerca anche di asserire che non c’è alcun medium attraverso cui viaggia l’onda, che l’onda è semplicemente un tipo di particella conosciuta come “fotone” che viaggia attraverso uno spazio “vuoto”. Questa è una nozione assurda, dato che tutti gli esempi naturali di onde hanno qualcosa attraverso cui stanno “ondeggiando”. La definizione di base di onda è “un impulso che viaggia attraverso un medium”, e in realtà la luce non fa alcuna eccezione].

Il terzo componente “armonico” chiave che abbiamo bisogno di mettere in gioco dopo la luce e il suono è la geometria, che è il risultato visibile della vibrazione. La prima e più importante geometria da cui dobbiamo cominciare è la sfera, che le antiche tradizioni vedono come la geometria più alta nell’Universo, la pura essenza dell’Uno. Nel nostro modello fisico, l’Universo è, in definitiva, sferico nella forma, dato che, da quando si è formato, i suoi campi d’energia si sono espansi in tutte le direzioni ad un ritmo costante. [Tuttavia, tutte le nostre galassie visibili nell’Universo si sono fuse in una singola super-galassia “piatta”, ma i campi d’energia sferici sono ancora presenti intorno a questa super-galassia, solo non sono visibili. Questo sarà discusso nel Volume III]. Una sfera può essere compressa in un singolo punto, che non ha nessuno spazio e nessun tempo, e così esiste come l’oggetto più semplice nell’Universo, ma la sfera è anche la forma più complessa dell’Universo, dato che contiene dentro di sé tutte le altre cose. Sebbene in principio questo possa sembrare non aver senso, è, di fatto, abbastanza semplice da spiegare se cominciamo con una “piatta” dimostrazione bidimensionale, come hanno imparato gli antichi studenti di geometria sacra.
Cominciamo disegnando un cerchio con un compasso. Ogni posto su un cerchio può essere definito come un punto, e allora si può prendere un righello e disegnare una linea verso ogni altro possibile punto del cerchio. Ci sono letteralmente un numero infinito di diverse linee, angoli e forme che possono essere disegnate all’interno di un cerchio. Matematicamente parlando, nessun altra forma geometrica può formare così tante geometrie al proprio interno quanto un cerchio, e così esso è la forma bidimensionale più complessa che ci sia. Allo stesso tempo, la sua struttura pura e armonica lo rende la forma bidimensionale più semplice possibile nell’Universo. È l’unica forma in cui c’è solo un lato, nessuna linea retta, e una curva che è completamente unificata per 360° intorno ad un singolo punto centrale. Esso si risolve in Uno, e pertanto è la forma bidimensionale più semplice possibile.

Quando allarghiamo il discorso alle tre dimensioni, possiamo allora capire che lo stesso principio si applica alla sfera. In modo confuso, il fisico Buckminster Fuller ha descritto la sfera come una “molteplicità di eventi discreti, approssimativamente equidistanti in tutte le direzioni da un nucleo centrale”. Eventi, dite? Per metterla in un linguaggio decisamente più semplice, in una sfera si può disegnare un infinito numero di linee che si connettono con un infinito numero di punti (cioè eventi) sulla superficie della sfera, con tutte le linee che partono da un singolo centro o nucleo, e tutte le linee finiranno per essere tutte della stessa lunghezza. Questo rende la sfera l’oggetto tridimensionale più complesso che ci sia; un infinito numero di diverse forme geometriche possono essere disegnate al suo interno, semplicemente unendo punti diversi sulla superficie della sfera. 

Se si stira o schiaccia una sfera in un modo qualsiasi, si ha meno simmetria e quindi meno flessibilità in ciò che può esservi creato all’interno. (Questo può sembrare difficile da comprendere, ma può essere provato matematicamente. Questo spiega anche perché i liquidi formino naturalmente delle sfere quando sono in caduta libera o un una bolla di sapone, dato che la pressione dell’aria sul liquido è uguale in ogni direzione). La sfera è anche la formazione tridimensionale più semplice nell’Universo per le stesse ragioni del cerchio; di fatto, c’è solo una superficie, perfettamente simmetrica nella sua curvatura intorno al punto centrale, e quindi tutto si risolve in Uno. In confronto, un cubo ha sei lati o superfici, e questa è una delle forme tridimensionali più semplici che ci siano. La sfera ha una sola ‘superficie’.

In modo interessante, il lavoro del dott. Hans Jenny (pronunciato “Ienni”) ha mostrato che quando un’area sferica di un fluido viene fatta vibrare a frequenze Diatoniche pure, cioè le vibrazioni fondamentali dell’Ottava, compaiono forme geometriche all’interno del fluido. Durante l’esperimento, piccole particelle che Jenny ha messo nel fluido conosciute come ‘colloidi’ si sistemavano in forme geometriche fondamentali, lasciando l’acqua pulita nel mezzo, mentre normalmente le particelle sarebbero sospese in tutta l’acqua in modo uniforme. Se il dott. Jenny alzava la frequenza del suono ad un livello più alto, allora apparivano strutture geometriche più complesse, e quando la riportava al livello originale si poteva allo stesso modo rivedere ancora una volta la stessa geometria con cui si era iniziato. Questa è una dimostrazione piuttosto chiara quando si vede nel video “Cymatics” del dott. Jenny, che è reperibile da varie fonti; ma ancora tale ricerca è stata notevolmente sottostimata e/o ignorata dalla comunità scientifica.

Quindi, la geometria è una caratteristica assai fondamentale della vibrazione; o come ha detto una volta Pitagora: “La Geometria è musica congelata”. Le cinque geometrie tridimensionali più importanti sono collettivamente conosciute come Solidi Platonici, dal filosofo greco Platone che ne ha scritto per primo nei tempi moderni.

Figura 3.1 – I cinque Solidi Platonici. (Ottaedro, Tetraedro a Stella, Cubo, Dodecaedro, Icosaedro)
A titolo di nota, il Tetraedro a Stella è tecnicamente più conosciuto come tetraedro intrecciato. Si può anche prendere in considerazione il tetraedro stesso, che è semplicemente una piramide a quattro facce con triangoli equilateri ad ogni faccia, ma in termini di funzionamento dell’energia come vibrazione, sembra che la maggior parte delle strutture tetraedriche abbiano due tetraedri incastonati l’uno nell’altro come vediamo qui sopra.
C’è la prova chiara che ogni sforzo scientifico che vada verso la scoperta dell’importanza di queste geometrie nell’Universo venga attivamente soppresso, dato che quelli delle fratellanze segrete possiedono ancora un alto grado di potere e si sentono legati al “nascondere sempre e rivelare mai” i “segreti dell’Ordine”. Molti membri di questi gruppi sono deliberatamente saliti al potere in varie istituzioni scientifiche, e sono quindi posizionati per respingere certi tipi di ricerca, specialmente quelli relativi alla free-energy/anti-gravità, come diremo nel Volume II. Richard Hoagland e l’Enterprise Mission, lavorando col Ten.Col. 

Tom Bearden, hanno mostrato come questi sforzi di soppressione risalgano al 19° secolo, come minimo. Il grande pioniere del 19° secolo che analizzò il comportamento dell’onda elettromagnetica (EM) fu Sir James Clerk Maxwell. Le sue equazioni, conosciute come Quaterne, furono utilizzate per mappare interamente le strutture interne nascoste dell’onda EM in una vista 3-d, con oltre 200 equazioni insieme. Quando si analizzano più di 200 quaterne come un gruppo, si vede la geometria del tetraedro dentro una sfera. Questo è il segreto nascosto dell’onda elettromagnetica, la struttura portante che determina il suo comportamento mentre si muove, e Oliver Heaviside e altri, che ridussero le equazioni di Maxwell a quattro quaterne fondamentali e dichiararono la geometria nascosta un “occulto nonsenso”, la rimossero vigorosamente da tutti i loro dibattiti accademici. Se non fosse stato fatto questo, avremmo potuto “risolvere il puzzle” molto prima.

Non c’è un modo diretto per provare che queste forme di gruppi segreti abbiano ispirato questa mossa politica sul lavoro di Maxwell, ma è esattamente quello che ci si aspettava basandosi sul loro sistema di credenze su cui hanno giurato di vegliare a costo della vita. Un esempio ancora più lampante è stata la demonizzazione del concetto di “etere” tramite l’uso dei risultati dell’esperimento di Michelson-Morley come “prova”. La mistica del 19° secolo Madame Blavatsky predisse che l’etere sarebbe stato rimosso dalla discussione, e che “i pilastri della scienza sarebbero venuti giù con esso”. Discuteremo di questo più approfonditamente nel Volume II e III. Anche ora, il comportamento anti-etere è così forte che si viene immediatamente liquidati se si cerca di reintrodurlo in una discussione scientifica; ma noi non siamo preoccupati, in quanto il tempo e le prove guariranno questa ferita.

Una volta accettata l’esistenza di un etere fluido a più livelli di densità, dove ogni densità possiede una diversa qualità della vibrazione, allora capiamo che certe evidenti forme geometriche emergeranno a determinate frequenze “pure”. Infatti, la geometria è l’aspetto più importante del comportamento dell’etere in termini di capacità nel costituire strutture stabili, come i cristalli. Senza la geometria, la materia non sarebbe possibile, dato che è la geometria ciò che permette alle “bolle di campo” dell’etere di raggrupparsi insieme in schemi organizzati precisamente, formando specifiche molecole. Diversamente, il meglio che potremmo sperare è che le sfere si allineino polo-a-polo, e siano altrimenti libere di fluire le une intorno alle altre, e questo comportamento non sarebbe sufficientemente complesso da costruire materia. I vertici delle geometrie hanno più forza per attrarsi l’un con l’altro rispetto alle altre aree sulla superficie della sfera, come discuteremo fra poco, e questo permette alle sfere di organizzarsi in schemi a “matrice” non casuali.

Sebbene la maggior parte delle volte non possiamo osservare direttamente queste geometrie, eccetto che nelle strutture cristalline, nei micro-cluster e nei quasi-cristalli (volume III), essi creano distinti stress o zone di pressione nell’etere che possono esercitare enormi forze sul loro ambiente. Pensate alla forza contenuta in un vortice e capirete come un fluido possa avere aree di forza più forti e altre più deboli al proprio interno. Queste forme geometriche quindi possiedono le qualità sia dei fluidi, in quanto si formano in un medium fluido, sia dei cristalli, in quanto essi sono chiaramente geometrici, quindi il dott. Harold Aspden si riferisce ad essi come a “cristalli fluidi”. Per la fine del Volume III, avremo costruito un modello fisico completo che dimostra come queste formazioni siano nascoste in tutta la fisica quantica, biologica o cosmologica. Se pensate che la scienza della chimica e della fisica quantica sia completa così com’è, rimarrete veramente sorpresi nello scoprire quanti problemi ci siano nel modello attuale, e che il disegno che presentiamo qui noi risolve ognuno di questi problemi. In questo libro tratteremo alcuni dei fondamenti di come questa schematizzazione geometrica funziona, compresa la “Griglia Globale” di linee di energia sulla Terra, che danno direttamente forma ai continenti.

La qualità più importante dei Solidi Platonici è che ogni forma è perfettamente inscritta in una sfera, tanto che tutti i suoi punti esterni combaciano precisamente con la superficie esterna della sfera. Ognuna delle linee rette che compongono questi oggetti saranno della stessa lunghezza, e tutti i punti geometrici sulla superficie della sfera sono equidistanti dai loro vicini, che è esattamente quello che ci aspettavamo con la scienza della vibrazione. Platone e altri filosofi Greci hanno anche sottolineato che tutte le misurazioni angolari in questi solidi geometrici sono uguali, e che ogni lato degli oggetti tridimensionali deve avere la stessa forma. Sebbene questo possa inizialmente sembrare un po’ confuso, in realtà funziona molto bene. Ci sono solamente cinque forme maggiori con cui abbiamo a che fare, quando osserviamo questa informazione. Queste cinque forme sono l’ottaedro, il tetraedro a stella, il cubo (o esaedro), il dodecaedro e l’icosaedro.

Per comprendere perché tali oggetti geometrici si formino all’interno di una sfera vibrante di energia fluida, dobbiamo sapere qualcosa riguardo al movimento delle onde. Se abbiamo una semplice onda bidimensionale, come una corda di chitarra che vibra, allora ci sono tre componenti fondamentali che rimarranno uguali se l’onda non viene disturbata. Questi tre componenti fondamentali sono la lunghezza d’onda, la frequenza e l’ampiezza. La lunghezza d’onda è la lunghezza di ogni parte dell’onda, cioè “la distanza osservata tra due creste d’onda adiacenti”, (misurata come una quantità di lunghezza in angstrom se si ha a che fare con la luce visibile). La frequenza è il numero di creste d’onda che passano per un punto ogni secondo, misurato in cicli al secondo o “hertz”, e l’ampiezza è l’altezza di ogni cresta d’onda, cioè “la grandezza dell’onda misurata da zero al picco”.

Ogni colore o suono che rimane uguale per un certo periodo di tempo avrà una ripetizione continua della stessa lunghezza d’onda durante tale tempo. Come esempio tipico, la frequenza “di concerto” della nota LA è di 440 cicli al secondo. Questo significa che quando l’aria vibra 440 volte in un secondo, il nostro orecchio lo interpreta come il suono musicale “LA”. E questo è tutto. Se questi 440 cicli non avessero la stessa frequenza e ampiezza, allora noi non sentiremmo una modulazione costante ad un volume costante. Se aumentiamo la frequenza del suono, come ad esempio salendo a 497 cicli al secondo, allora la modulazione diventa più alta mentre la lunghezza d’onda si accorcia. Se aumentiamo l’ampiezza, il volume del suono sale con l’aumentare dell’altezza d’onda, ma la sua modulazione rimane la stessa.

Dovremmo anche ricordare che con queste onde si possono trasmettere informazioni complesse. Ci sono due tipi di onde utilizzate per la trasmissione radio: modulazione di frequenza, o FM, e modulazione d’ampiezza, o AM. La parola modulazione significa semplicemente ‘cambiamento’. Così come semplice spiegazione, le onde FM conservano la stessa ampiezza, ma hanno continui cambiamenti (modulazioni) nella loro frequenza, mentre le onde AM mantengono la stessa frequenza, ma hanno continui cambiamenti in ampiezza. Questo è fondamentalmente tutto quello che c’è da sapere. Dato che queste onde elettromagnetiche possono muoversi molto velocemente, c’è una grande quantità di informazioni che possono essere trasmesse con esse, e questo è un punto importante. Le informazioni codificate della radio AM/FM, dei CB, delle bande di polizia/pompieri/emergenza, delle stazioni televisive terrestri e satellitari, delle conversazioni ai telefoni cordless e cellulari sono sempre intorno a noi in ogni momento.

Ora, quando abbiamo una forma d’onda geometrica tridimensionale all’interno di una sfera, la lunghezza d’onda e la frequenza sarebbero rappresentate dalla distanza tra i vari punti nodali sulla superficie della sfera, che potrebbero essere misurati in gradi, e calcolati con la funzione trigonometrica del seno. L’ampiezza sarebbe misurata dalla grandezza della sfera, che potrebbe essere misurata in radianti e calcolata dalla funzione del coseno. Quindi, se aumentiamo la forza (ampiezza) di un dato campo energetico sferico, ingrandiamo anche la sua dimensione, la qual cosa spiega perché queste strutture esistano dai livelli più piccoli della meccanica quantica fino alla dimensione di tutto l’Universo conosciuto. È anche importante capire che in questo sistema di etere fluido, incrementi di frequenza dall’ambiente circostante faranno fluire all’interno maggiore energia eterica, e pertanto quando una geometria si trasforma in un’altra si incrementa la grandezza (ampiezza) della sfera. Lo esploreremo più avanti nel capitolo, quando vedremo quanto ordinatamente i vari Solidi Platonici “siano annidati” uno all’interno dell’altro, con ogni nuova geometria più grande di quella al suo interno. Quindi tipicamente, un aumento di frequenza implicherà anche un aumento di ampiezza.

L’unica cosa rimasta da spiegare è il perché le vibrazioni formino punte, punti o vertici sulla superficie della sfera, con linee rette che li connettono. Di nuovo, ritornando al semplice studio di un’onda in due dimensioni, conosciuto come meccanica delle onde, sappiamo che ogni onda ha certi punti conosciuti come “nodi” in cui non c’è alcun movimento. Questo è più facile da visualizzare nell’onda sinusoidale fondamentale, che ha la stessa forma di un’onda che si muove lentamente sulla superficie di un lago; una continua curva a forma di ‘S’. Se si pizzica la corda di una chitarra, ci sono determinate aree dell’onda in cui non c’è alcun movimento, ma esse rimangono effettivamente perfettamente ferme. Queste aree sono i “nodi”, misurando la distanza tra questi nodi si ottiene la lunghezza d’onda. Un nodo può anche essere visto come l’area in cui l’altalena per bambini è sostenuta da un fulcro metallico; ogni lato dell’altalena può andare su e giù, ma il centro della tavola starà sempre nello stesso punto. Di nuovo, tale punto è conosciuto nella meccanica delle onde come “nodo” o “punto di momento”.

Similmente, i vertici appuntiti dei Solidi Platonici rappresentano i nodi dell’onda. Questi punti sono quelli in cui in tutta la sfera è presente la minor quantità di vibrazioni. Di conseguenza, vedremo che c’è grande forza in questa “calma” causata dalla pressione che circonda i punti. Queste aree nodali (così come l’esatto centro della sfera) possiedono, in effetti, la più grande forza energetica dell’intera superficie della sfera, perché le zone di vibrazione circostanti a più alta pressione raccoglieranno e rispediranno indietro naturalmente tutto ciò che è “libero” in queste zone di pressione inferiore. È proprio per questa ragione che il maggior numero di “colloidi” liberi si raccolgono in questi nodi negli esperimenti del dott. Jenny. (Questa è anche la stessa ragione per cui le nuvole a più alta pressione viaggiano verso zone a minor pressione nella nostra atmosfera). Dato che questi nodi esercitano una notevole forza l’uno con l’altro per le leggi della vibrazione, allora come dicono i vecchi adagi: “la distanza più breve tra due punti è una linea retta”. Quindi, le linee rette di forza si formano naturalmente tra questi nodi una volta che questi sono stati creati, e quando si vedono tutte le linee combinate insieme, emerge l’oggetto geometrico, proprio come quando si uniscono i puntini nei giochi di enigmistica.

Gli ultimi termini della meccanica delle onde che abbiamo bisogno di introdurre a questo punto sono “onde in movimento” e “onde stazionarie”. (Vengono anche utilizzati i termini “dinamico” o “propagazione” per le onde in movimento e “statico” per le onde stazionarie). Questi si spiegano quasi da soli: un’onda in movimento si muove nello spazio, mentre un’onda stazionaria quando vibra rimane ferma. Quindi, se abbiamo una sfera di fluido che rimane stazionaria e che ha uno schema geometrico di stress da vibrazione al suo interno, ci si riferisce a quella geometria come “onda stazionaria”. Una volta che pensiamo in questi termini, diventa facile mettere insieme il modello: si basa su semplici, conosciuti principi fisici di fluidi che vibrano, e gli stress quasi-solidi che si possono formare al suo interno per le vibrazioni.

Ora se ripensiamo all’idea che c’è un’Ottava di densità eteriche nell’Universo, possiamo vedere che queste densità possiedono componenti di colore, suono e geometria. Questo è forse il nesso più frequentemente studiato che fu esplorato dagli eredi degli antichi misteri, molto tempo dopo che avevano perso traccia del pieno scopo della conoscenza scientifica che vi stava dietro. Così, un primo enigma su cui abbiamo lavorato dal 1996 al 1998 era: “Come facciamo ad assegnare una forma geometrica ad ognuna delle sette densità maggiori, dal momento che ci sono solamente cinque Solidi Platonici più la sfera con cui lavorare?” Non abbiamo bisogno di otto forme, dato che le antiche tradizioni ci dicono che la sfera esiste sia all’inizio sia alla fine dell’Ottava. Similmente, nell’Ottava del suono, ogni nota che è un’ottava superiore a un’altra nota avrà esattamente il doppio dei cicli al secondo. Così il “LA” a 440 cicli al secondo ridiventerà “LA” quando arriva a 880 cicli al secondo.
Quindi dov’è la settima forma? La risposta è stata trovata nei “miti religiosi” delle antiche scritture Vediche dell’India, i resti dell’impero Rama, come raccontato dall’inestimabile libro Geometria Sacra di Robert Lawlor. Gli Indù, o i loro contatti, fornirono la risposta fornendoci due volte uno dei solidi Platonici. Così come la sfera appare due volte, all’inizio e alla fine dell’ottava, così fa il suo più stretto partner armonico, l’icosaedro, localizzato in seconda e in settima densità. 

Per la ricca, mistica cultura degli antichi testi Vedici, con la piena cooperazione di entità extradimensionali che volavano in favolosi vimana, la forma dell’icosaedro era in realtà trasformata in un dio. Essi lo chiamavano Purusha, e nella settima dimensione, o densità, esso rappresenta la forza mascolina dell’Universo.

Figura 3.2 – L’icosaedro, conosciuto all’antico impero Rama come il dio mascolino “Purusha”. 
Come abbiamo appena detto, Purusha si mostra anche come prima forma in cui si cristallizza la sfera quando siamo all’inizio dello spettro. Pertanto, l’Uno, essendo una manifestazione di tutte le entità consce, deve cristallizzarsi giù nel mondo della forma come Purusha, e ogni entità deve ancora raggiungere il livello di Purusha per ritornare all’Uno al termine del ciclo. La prossima immagine dalla Geometria Sacra di Lawlor mostra come si disegnerebbe un icosaedro in due dimensioni, utilizzando un compasso e un righello.
Figura 3.3 – L’icosaedro, disegnato in due dimensioni con un compasso e un righello. (da Geometria Sacra)
Prima di dire che la cultura Indù era sessista e patriarcale, che assegnava la mascolinità a tutte le migliori forze spirituali nella vita, comprendiamo che c’è uno yin al nostro yang. La forza femminina universale viene citata come Prakriti, ed è identificata con il dodecaedro, o sesta densità.

Figura 3.4
Il dodecaedro, conosciuto all’antico impero Rama come la dea femminina “Prakriti”. (da Geometria Sacra)
Di fatto, sembra che si possa considerare ogni densità come avente qualità “maschile” o “femminile”, con la seconda che è femminile, la terza maschile, la quarta femminile, la quinta maschile, eccetera. Non dimentichiamo che l’Unità è una combinazione di entrambi i generi in un’Unione. Così, quando Purusha inizia come femmina in seconda densità, vediamo che esso è, di fatto, un dio padre/madre, poiché incorpora in sé anche l’archetipo femminino, o Prakriti. Quando avanziamo nella lettura del disegno e capiamo le proprietà metafisiche e spirituali delle dimensioni, il loro genere comincia ad avere molto senso. Oltre alla sfera, possiamo vedere che Purusha e Prakriti sono le due forme più alte nello spettro, così ha un senso, in qualche modo, che queste due forme possano aver impersonificato gli dei e le dee. Questi regni superiori sono chiaramente qualcosa cui possiamo aspirare, e queste sono, essenzialmente, forme coscienti.

La nostra attuale casa è attualmente nella forma numero 3. Questo, l’ottaedro, è il livello vibratorio che fornisce l’invisibile trama di sfondo per l’energia da cui tutti i nostri atomi e le molecole vengono creati. Rod Johnson, il cui modello di fisica quantica della geometria sacra viene trattato nel Volume III, ha asserito che i “neutrini” privi di massa che sono stati osservati in laboratorio possano essere proprio ottaedri. Tuttavia, più spesso queste vibrazioni rimangono irrilevabili, dato che sono solamente la trama nascosta della realtà, non la stessa vera realtà. Quando si guarda ad un grattacielo completato, non si vedono le travi a ‘I’. Similmente, non vediamo “l’energia del punto zero” che crea “particelle virtuali” di protoni, neutroni ed elettroni che vanno e vengono sul piano dell’esistenza, ma noi sappiamo comunque che essa deve esistere. Pertanto, la fisica degli antichi ci insegna che questa forma rappresenta il substrato fondamentale per tutta la materia nella nostra “densità”. Questo è l’antico insegnamento dimenticato. È importante capire che questa è solamente una regola generale, dato che all’interno della nostra densità vediamo le prove di tutti i solidi Platonici, che rappresentano le diverse “sub-densità”. Abbiamo bisogno di tutti questi all’opera affinché si possa costruire materia fisica, ma quello più forte in terza densità è l’ottaedro.

Figura 3.5 – L’ottaedro, la geometria che sta alla base della nostra “terza densità”.

Guardando giusto alla metà superiore di un ottaedro, possiamo facilmente vedere che è identica alla forma della Grande Piramide Egizia. Avendo messo in campo tutto il modello fisico, questo semplice fatto illustra chiaramente che tutte le piramidi erano progettate per essere in grado di focalizzare questa energia geometrica dell’etere, proprio come farebbe un imbuto per dirigere un flusso d’acqua. Come vedremo più avanti in questo volume, i “campi torsionali” sulla Terra possono variare da luogo a luogo molto di più della normale “spinta” gravitazionale o del campo magnetico terrestre, e per usare un gergo dei Russi, ogni piramide agisce come un “generatore passivo di torsione”.
La materia stessa si comporta come un spugna immersa nell’acqua che vibra, con l’energia fluida che vi fluisce continuamente dentro e fuori con un moto pulsante. Quando si ammassa la materia insieme in una singola struttura, la forma di quella struttura determinerà come fluiranno le “correnti” eteriche attraverso di essa. Ogni oggetto cilindrico o conico imbriglia e focalizza campi torsionali, come abbiamo documentato in modo esteso nel Volume III. Ci sono sempre campi torsionali che emergono dalla Terra in spirali, e la forma del cono può direzionare e focalizzare questi campi. Non dimentichiamo che questi campi sono composti di energia intelligente, così uno dei più importanti benefici nell’imbrigliare questi campi è che questi aumentano enormemente la nostra salute fisica così come la nostra coscienza spirituale in breve tempo, quindi gli antichi Egizi si riferivano alle piramidi come a “templi di iniziazione”. E noi sappiamo che la parola greca “Piramide” nasce dall’unione di “Pyre” e “Amid”, che significa “Fuoco nel Mezzo”. Questo “fuoco nel mezzo” rappresenta i campi di energia che vengono imbrigliati dentro la Piramide, quindi il nome stesso cela parte del segreto.

Essenzialmente, con la scienza appropriata in gioco, comprendiamo che la grande Piramide di Giza, la piramide costruita con maggior precisione sulla Terra, è una macchina fantastica, modellata con una tecnologia che è molto più avanzata del nostro livello di comprensione scientifica attuale. La ragione di questo è perché questa è una tecnologia di coscienza, che funziona in base ad un modello di fisica che noi stiamo riscoprendo solo ora sulla scena pubblica. E più esaminiamo la Piramide, più possiamo comprendere quanto accurata e vasta debba essere la conoscenza antica che v’è insita.
È un fatto stabilito da molto tempo che se si prende la differenza tra le misure della base e dell’altezza della Piramide, si esprime il rapporto pi (π) di 3,14159. Questo significa che si può disegnare un cerchio da un angolo, fino al vertice e giù fino all’angolo opposto. E che quel cerchio toccherà perfettamente tutti e tre i punti. Poi, tutto quello che dobbiamo fare è pensare in tre dimensioni, e scopriremo velocemente che la Piramide è inscritta perfettamente in una semisfera.

Figura 3.6 – La Grande Piramide si inscrive perfettamente in una semi-sfera, come in figura.

Così, in modo molto diretto, la struttura della piramide forma “risonanza” con l’etere, causando la formazione di una sfera di energia invisibile, proprio come questa, intorno ad essa. Ricordate che la struttura di energia geometrica più forte della nostra dimensione, se potessimo vederla, apparirebbe esattamente come questa.
Così, la Piramide non era solamente un oggetto geometrico, era letteralmente costruita come una gigantesca, solidificata “unità di coscienza”.

Ad un certo punto, potremmo pensare ad essa come ad una gigantesca statua in onore della densità di energia in cui noi ora abitiamo; ma è anche una macchina molto potente. Ci è anche stato detto da Ra che essa era molto più efficiente quando è stata costruita rispetto ad adesso, per via del mutamento di posizione della Terra e del deterioramento delle sue facciate di pietra.
Molti piramidologi hanno evidenziato il fatto che l’esterno della Grande Piramide esprime, in molti diversi rilevamenti, l’esatta lunghezza di un anno terrestre, 365,2422. Dato che gli studiosi comprendono che la Piramide si inscrive perfettamente in una semisfera, molti ne hanno concluso che la Piramide sia progettata per rappresentare la Terra. Ma questo non spiegherebbe perché i costruttori della piramide non abbiano semplicemente eretto un globo, specialmente con l’apparente tecnologia che avevano a loro disposizione per posizionare precisamente tali immense pietre. È solo ora che possiamo capire perché per questo scopo sia stata scelta la forma ottaedrica.

Sebbene oggi non possiamo vedere la Piramide come un cristallo, è un fatto riconosciuto nei circoli egittologici che quando la Piramide fu inizialmente costruita, all’esterno fosse interamente ricoperta da un involucro di pietre. Queste erano composte di calcare bianco di Tura che era tirato precisamente a lucido come uno specchio per una luminosa brillantezza (Lemesurier, 1977). Era così brillante alla luce del giorno da essere accecante, quindi gli Egizi la chiamavano “Ta Khut”, o “La Luce”. Sarebbe stato molto facile concludere che non fosse stata costruita da esseri umani primitivi se vista nella sua forma originale. Nella prossima figura, vediamo i resti di queste pietre che esistono ancora lungo la base.
Figura 3.7 – Pietre dell’involucro che esistono ancora lungo il perimetro della base della Grande Piramide.
Quello che non molto spesso si sa è che gli spazi tra le pietre dell’involucro erano larghi solo 1/100 (pari a 0,254 mm, n.d.t.) di pollice (Lemesurier, Hoagland). Per confronto, il meglio che la moderna tecnologia può fare per allineare gli scudi termici sullo Space Shuttle ha una tolleranza di 1/30 (pari a 0,84 mm, n.d.t.) di pollice (Hoagland).

Questo pone la modellazione delle pietre dell’involucro al livello della precisione ottica; qualcosa che noi useremmo solamente per pezzi estremamente sensibili di equipaggiamento. Tutta questa precisione era utilizzata per fare in modo che fosse molto più efficiente come “macchina” per imbrigliare campi torsionali.
Inoltre, in questi spazi incredibilmente stretti tra le pietre dell’involucro, così strette che una lama di coltello non vi può essere spinta in mezzo, c’è uno strato impossibilmente sottile di “cemento” che le mantiene insieme. Questo “cemento” è così forte che per rompere il collante con un martello pneumatico, lo stesso calcare si rompe prima del “cemento”. Ancora al giorno d’oggi, nessuno ha fornito una spiegazione soddisfacente su come questo potesse essere stato ottenuto. Certamente sembrava che le pietre stesse fossero state fuse sul luogo, e che il cemento non ci fosse proprio, ma che ci fosse un prodotto di calore estremo, che fondesse le due pietre insieme. Quindi come hanno ottenuto il calore? Un laser, forse? O era coscienza focalizzata, che trasformava la fase della materia delle molecole consce di calcare? La spiegazione di Ra comincia ad avere sempre più un senso per noi, mentre procediamo, dato che nel loro modello, essi erano in grado di utilizzare la coscienza per visualizzare come volevano che le pietre si sistemassero insieme, e le loro visualizzazioni diventavano poi realtà.

Quindi, per tirare le somme, l’esterno della Piramide era modellato con una precisione ottica che è raggiunta solo ora dal tipo di lavoro che noi impieghiamo sulle lenti a specchio per un telescopio riflettente (Hoagland). Dobbiamo poi immaginare una piramide gigante costruita con quattro specchi, così splendenti da essere quasi accecanti. Di nuovo, non ci meraviglia che gli antichi Egizi si riferissero ad essa come a “Ta Khut”, o La Luce. Quando era nel suo stato cristallino, non ci dovevano essere dubbi che non fosse stata costruita dagli umani del tempo; doveva essere una struttura dall’aspetto quasi totalmente alieno. Ora possiamo solo immaginare il suo aspetto originale, dato che i terremoti hanno scosso la maggior parte delle pietre dell’involucro nei primi anni del primo millennio d.C. circa, e queste pietre perfettamente bianche sono state poi saccheggiate per costruire moschee al Cairo. Quindi possiamo solo misurare il progetto originale delle pietre d’involucro dalle poche che rimangono lungo la base, ancora intatte. Il vertice della seconda piramide ha anche alcune pietre dell’involucro ancora rimanenti.

Figura 3.8 – Vista dall’alto della seconda piramide nella piana di Giza, che ci mostra le pietre d’involucro sulla cima.

Il grado quasi insano di precisione comincia ad avere molto più senso quando comprendiamo che le energie possono essere imbrigliate dalla costruzione di una struttura simile. Queste energie non erano fredde e senza vita come l’elettricità; invece, esse rappresentano l’energia conscia, e potrebbero essere così indirizzate da un essere umano conscio, una volta addestrato. Le fonti dell’autore, insieme con Ra e le letture di Cayce, indicano che una persona ben addestrata nel direzionare questa energia potrebbe ringiovanire corpi morenti fino all’estrema giovinezza e vitalità, viaggiare nel tempo e levitare oggetti massicci con facilità. Inoltre, aiuterebbe nello stabilizzare la Terra sul suo asse, diminuire condizioni meteo severe e terremoti nelle aree circostanti, guarire e normalizzare la mente, purificare l’acqua, creare energia utilizzabile ed eliminare le radiazioni residue di battaglie nucleari in tempi molto più brevi. Più cose impariamo riguardo alla scienza che ne è coinvolta, più questo diventa ovvio, e più grande sarà il nostro desiderio di ricostruire ancora una volta una rete di piramidi per guarire la terra dai danni che attualmente stiamo creando.
Di fatto, Ra ci dice che la Piramide era un gigantesco regalo che essi hanno prodotto per la nostra civiltà, un regalo il cui proposito primario era incentrato a fornire un tempio di iniziazione che funzionasse come un efficiente agente bilanciante dei campi d’energia della Terra. Avere un “tempio di iniziazione” significava che potevano essere imbrigliate e integrate energie di livello superiore nei corpi fisici e non fisici del ricercatore umano, e poteva essere compiuto un pieno progresso evolutivo attraverso lo spettro delle sette densità mentre si era ancora sulla Terra. Questo era un processo molto rigoroso e terrificante, dato che ci si confrontava essenzialmente con tutte le “distorsioni” della personalità del sé tutto in una volta, in quello che finiva per essere soggettivamente un incubo di lunga durata. Affinché questo lavoro fosse eseguito, mentre essi andavano in questo viaggio, era sempre presente un guaritore addestrato, che può viaggiare con la persona fuori dal corpo, dato che la paura da sola poteva causare alla persona la perdita di contatto col corpo fisico e quindi la morte.

Se l’iniziazione era un successo, allora dopo che una tale progressione evolutiva era compiuta, l’entità aveva accesso a tutto il potere dell’intera ottava di dimensioni, diventando come un dio e possedendo abilità come quelle di Cristo, se non decideva di lasciare la Terra. Una ragione per cui gli eredi dei misteri Atlantidei sentivano di dover tenere la conoscenza segreta è che sentivano che se una persona polarizzata negativamente faceva sufficienti progressi nella Piramide, essa poteva diventare una forza molto potente per il male sulla Terra, anche se sembra che questo non sarebbe potuto essere realmente possibile, dato che il percorso negativo non può sostenersi oltre la quinta densità.

Non dovrebbe essere una sorpresa che la tradizione mistica abbia nascosto a lungo il fatto che anche Gesù avesse completato l’iniziazione Piramidale in tale maniera, e poteva anche essere stata la sola persona ad entrarvi equipaggiata sufficientemente bene da completare veramente il processo pieno. Secondo le letture di Edgar Cayce, Gesù trascorse una vita precedente come Hermes, il co-progettista della Piramide, insieme al prete Ra-Ta che poi si è reincarnato come lo stesso Cayce. Così, sembra che Gesù abbia utilizzato in seguito il pezzo di tecnologia che aveva originariamente aiutato a costruire, al fine di completare la propria iniziazione.
Come vedremo alla fine del libro, la Piramide ha di fatto scritto dell’arrivo di Gesù direttamente su una linea temporale basata su un codice geometrico e numerico costruito all’interno del progetto delle sue camere e dei suoi passaggi.

L’affermazione profetica di questo arrivo Messianico avviene nel momento in cui lo stretto Passaggio dell’Ascensione si innalza improvvisamente nell’immensa Grande Galleria. Questo particolare evento nel simbolismo della Piramide è probabilmente uno degli eventi simbolici più potenti dell’intero arco di tempo dato. Ovviamente Gesù sapeva, anche quando aiutò a progettare questa incredibile struttura, per che cosa l’avrebbe poi usata nelle vite future.

Se la forma della piramide è un prodotto fondamentale per comprendere una fisica più avanzata di quella che stiamo usando noi ora, allora ci aspetteremmo che la tecnologia debba essere stata scoperta da una qualsiasi società su un qualsiasi altro pianeta abitato. Nel 1981, Ra disse che Marte è l’unico pianeta rimasto nel nostro Sistema Solare che abbia avuto vita umanoide di terza dimensione come la nostra nel recente passato. E nei tardi anni ’80 iniziò ad essere un po’ più conosciuto il lavoro di Richard Hoagland, il quale rivelava i resti proprio di una civiltà del genere. Dai dati riguardanti Marte di Hoagland e altri, osserviamo che la piramide più grande e facile da identificare nella regione marziana di Cydonia fotografata dalla Viking è a cinque facce, replicando quasi precisamente la parte superiore di un icosaedro, o il dio Indù Purusha, se ricordate. Vicino a questa piramide a cinque facce c’è un complesso agglomerato di piramidi leggermente più piccole che appaiono identiche a quelle che vediamo in Egitto.

Inoltre, le piramidi di Elysium fotografate dalla Mariner su Marte hanno chiaramente la forma di tetraedri, e Carl Munck, che incontreremo nei capitoli successivi, mostra un mound terrestre in Nord America con la forma di un tetraedro nel suo libro Il Codice, disponibile anche nella Laura Lee Online Bookstore. Inoltre, Hoagland e altri hanno scritto di cupole sferiche di vetro sulla Luna, che potrebbero proprio servire al medesimo proposito di imbrigliare campi torsionali, di trattenere un’atmosfera e fornire una visione chiara dello “spazio esterno”. Il nostro astrofisico ex-NASA Maurice Chatelain, di cui parleremo altrettanto nei prossimi capitoli, venne fuori nel 1995 con la dirompente rivelazione che la NASA aveva trovato sulla Luna “rovine geometriche di origine sconosciuta” durante le missioni Mariner e Apollo. Più recentemente, una simile testimonianza fu fornita alle conferenze del Disclosure Project, iniziate il 9 Maggio 2001, e noi eravamo presenti all’evento del 10 maggio e abbiamo intervistato personalmente il testimone.


La nostra prossima domanda è: “Come facciamo a tracciare naturalmente le transizioni da una frequenza d’energia geometrica a quella successiva?” Attraverso una serie moderatamente complessa di procedure, si può dimostrare come ogni forma geometrica “emergerà” naturalmente da quella precedente. Per iniziare, la sfera nell’icosaedro è relativamente ovvio - il movimento dell’informe Unità verso una forma geometrica – quindi non c’è alcuna reale modellazione da fare. L’icosaedro della seconda densità nell’ottaedro della terza densità sarà chiaramente modellato nel Volume II. Al fine di trasformare il nostro ottaedro in una forma di quarta dimensione, tutto quello che è richiesto è di espandere ogni faccia in semplice triangolo, o tetraedro, a quattro lati. Qui nel nostro diagramma, lo concettualizziamo come se stessimo posizionando un tetraedro su ogni faccia separatamente.

Figura 3.9 – La transizione dell’ottaedro (a sin.) in un tetraedro a stella (a des.) 

Sull’ottaedro, che ha la forma di triangolo equilatero, (composto interamente di angoli interni di 60°, con ogni lato della stessa lunghezza), ogni faccia diventa un vertice a tre facce di un tetraedro a stella. Dato che l’ottaedro ha otto facce, bisogna quindi aggiungere otto tetraedri alle sue facce. Se si animasse questa transizione come fosse un cartone animato, apparirebbe che l’ottaedro stia improvvisamente sbocciando come un fiore; con le facce che germogliano all’infuori quando i tetraedri crescono nella loro posizione. [Si compari il disegno qui sotto con l’originale tavola armonica come aiuto per visualizzarlo. La forma in alto a destra nel disegno mostra dove sarebbe uno degli otto tetraedri, in termini di posizione, se non fosse attaccato direttamente all’ottaedro].

Al fine di progredire poi dalla quarta dimensione alla quinta, si può osservare il disegno e vedere facilmente quanto con un semplice “unisci i puntini” delle estremità del tetraedro a stella si formi un cubo. Per passare dal cubo di quinta dimensione al dodecaedro di sesta dimensione, è necessaria un’ulteriore espansione, dove ogni faccia del cubo germoglia in un “tetto” obliquo al fine di trasformarsi in un dodecaedro. La forma a “tetto” che compare è più facilmente visibile nell’area rettangolare inferiore, dove l’area quadrata sarebbe più simile a una vista dall’alto.

Figura 3.10 – La posizione “annidata” del cubo in un dodecaedro.

Quindi, se si mette un punto nel centro di ogni pentagono del dodecaedro e si connettono tutti i punti insieme, si avranno una serie di linee che formeranno stelle a cinque punte che creano la forma dell’icosaedro, l’ultimo grande nodo prima del ritorno alla Sfera. In breve, tornando ancora alla nostra tavola armonica originale, possiamo vedere come l’intera progressione sia una sfera, o un’Unità, che si espande nella forma “seminale” o fondamentale dell’icosaedro, che poi con la sua struttura cresce in tutte le altre forme contenute al suo interno (Lawlor, 1982). L’aspetto “seminale” dell’icosaedro è la ragione per cui gli Indù lo associavano a un dio maschile: stavano utilizzando una metafora del seme, o “seme della vita”.

Figura 3.11 – La completa gerarchia delle forme geometriche che rappresentano l’Ottava delle densità.

Quello che abbiamo, quindi, é una comprensione del fatto che le forme create da queste vibrazioni di energia possono crescere, proprio nel modo in cui crescono i cristalli.


Tratteremo brevemente un altro punto che è stato una delle grandi fonti di confusione per coloro che hanno letto questo libro, e tenteremo di ridurlo in termini più semplici in questa edizione revisionata. Se lo trovate ancora difficile da comprendere, ricordate che non è un punto essenziale richiesto per comprendere la fisica. Affinché l’Universo sia veramente Uno, ci deve essere un livello in cui non c’è nessuno spazio né tempo, dove Tutto è Qui e Adesso. Fonti come “Seth” attraverso Jane Roberts ci dicono che niente “esiste” veramente nell’Universo, incluso l’etere stesso, che tutto l’Universo si espande e si contrae in un singolo punto di Unità in ogni singolo istante.
Così, le molte piccole “bolle di campo” che creano l’etere fluido sembrano fluire una intorno all’altra, quando studiamo il loro comportamento. Ad un certo livello, questo è effettivamente vero, come hanno dimostrato gli esperimenti del dott. Nikolai Kozyrev, Nikola Tesla ed altri, che tratteremo nel Volume III. A un altro livello, dobbiamo ricordare che l’ampiezza dell’onda sferica ci mostra che il “punto zero” dell’onda è effettivamente proprio nel centro, il che significa che l’onda stessa sta costantemente espandendo e collassando in un singolo punto. Si pensi a un palloncino che viene costantemente gonfiato e sgonfiato da un punto molto piccolo a una sfera molto grande. Al livello più elevato della vibrazione, tutta l’energia nella sfera è contenuta all’interno del punto centrale. Sebbene questo possa sembrare confuso, varie fonti come Seth e Ra ci dicono che tutti quei singoli punti sono, in realtà, uniti insieme nell’Unità, che c’è solo un singolo punto da cui tutto emana. Questo è un altro modo in cui possiamo comprendere che noi possediamo davvero una perfetta “scintilla” dell’Uno Infinito Creatore dentro di noi.

Se questo è vero, e abbiamo tutte le ragioni di crederlo, allora ognuna delle forme geometriche di cui abbiamo parlato deve essere continuamente presente, alla sua propria frequenza, in ogni “unità di coscienza” o bolla di campo nell’intero Universo. Per dirla in modo semplice, ogni forma di energia pulsa da un punto, attraverso l’icosaedro, nell’ottaedro, al tetraedro a stella, al cubo, al dodecaedro, ancora nell’icosaedro per poi tornare una volta ancora alla sfera o punto. Questo è l’unico modo in cui possiamo spiegare quello che Seth ci direbbe, parafrasando banalmente, che “il vostro intero sistema di realtà è “spento” così come è “acceso”, e semplicemente non vibrate abbastanza velocemente per vedere cosa c’è nel mezzo”. Un’altra analogia che abbiamo usato è quella della pellicola di un film. La pellicola in una telecamera è in realtà una serie di immagini fisse separate le une dalle altre, ma quando le guardiamo abbastanza velocemente, esse formano “immagini in movimento”, o “film”.

Così, l’energia sferica che forma l’Universo stesso potrebbe essere vista vibrare attraverso tutte le diverse forme a velocità da capogiro, espandendosi da un singolo punto fino a formare i confini dello spazio e del tempo per come lo conosciamo e poi ricomprimendosi ancora in quello spazio altrettanto velocemente.

Sebbene possa sembrare praticamente impossibile concepire il nostro intero universo raggrinzito in un singolo punto ancora e ancora a velocità troppo alte da misurare, questo è esattamente quello che accade, dicono fonti come Ra. Dal momento che tutta la realtà fisica è, in definitiva, nient’altro che energia conscia in vibrazione, ogni densità ha quindi l’illusione di esistere solo ad un livello in questo sistema energetico. Infatti, tutte le densità sono interpenetrabili, le vibrazioni di densità superiori esercitano pressioni misurabili nello spazio e nel tempo qui nella terza. Tra le altre cose, questo forma le basi della Griglia Globale, che esamineremo nei capitoli futuri.

* * * * * * * * * *
Tradotto da Mauro Carfi per Stazione Celeste